Locatelli e la corruzione a Moro Il pm: 4 anni per l’imprenditore

Locatelli e la corruzione a Moro
Il pm: 4 anni per l’imprenditore

Quattro anni: è la pena chiesta dal pm Giancarlo Mancusi nei confronti dell’imprenditore Pierluca Locatelli. È accusato di aver versato una tangente di 50 mila euro all’ex assessore Marcello Moro.

L’obiettivo sarebbe stato quello di velocizzare il pagamento da parte del Comune di una somma per i lavori di sistemazione di Sant’Agostino ad una ditta della quale Locatelli era creditore. OItre all’accusa di corruzione, per Locatelli c’è anche quella di finanziamento illecito ai partiti , che riguarda anche un altro imprenditore, Massimo Vitali, e ancora Moro. Quest’ultimo, fino al 2010 guidava la sede del Consolato onorario del Ghana a Milano: secondo l’accusa, i due imprenditori ne avrebbero finanziato sede e personale.

L’ex assessore Marcello Moro

L’ex assessore Marcello Moro

Il difensore di Locatelli, Roberto Bruni, ha chiesto il proscioglimento dalle accuse. Nadia Germanà e Tomaso Cortesi, rispettivamente legali di Vitali e Moro (che hanno scelto il rito ordinario a differenza di Locatelli che ha optato per l’abbreviato), hanno invece invocato il non luogo a procedere. Il gup Tino Palestra deciderà il 12 novembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA