Lombardia sotto osservazione Per Milano ipotesi lockdown
Milano dopo le 18: deserta la zona dei Navigli

Lombardia sotto osservazione
Per Milano ipotesi lockdown

Preoccupa la situazione di Milano, con l’ipotesi di un lockdown per il capoluogo e l’area metropolitana. Fontana indice una riunione per lunedì, Sala dichiara: «Al momento - ha sottolineato il sindaco di Milano - sul tavolo il progetto non c’è, ma il rischio ovviamente non è escluso».

Supera la soglia dell’1.5 l’Rt di 10 regioni italiane, mentre Piemonte e Lombardia oltrepassano la soglia dell’Rt 2 e sono rispettivamente a 2.16 e 2.09. A lanciare l’allarme è l’Istituto superiore di Sanità che definisce «a rischio elevato» 11 Regioni. Quattro (Calabria, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte) più la provincia di Bolzano, sono già nello scenario 4, cioè con i servizi sanitari che possono non tenere nel breve periodo.

La situazione è «molto grave ovunque» con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni, secondo l’Istituto Superiore della Sanità. Per questo la raccomandazione è quella di «evitare contatti e stare a casa il più possibile». Questo mentre è record di tamponi in 24 ore: 215.085 test in tutta Italia dove in terapia intensiva ci sono 1.746 persone.

Per la situazione critica di Milano il Governo starebbe ipotizzando un lockdown per la città capoluogo e l’intera area metropolitana: un accordo che sarà preso con la Regione e il Comune. Il piano è partire dalle città metropolitane. Milano e Napoli, ma anche Bologna, Torino e Roma sono quelle più critiche mentre tra le ipotesi c’è anche l’idea di richiudere le scuole e sospendere le lezioni in presenza in tutta Italia, anche per elementari e medie.

Sull’ipotesi chiusura di Milano ha parlato il sindaco Sala: «Al momento - ha sottolineato il sindaco di Milano - sul tavolo il progetto non c’è, ma il rischio ovviamente non è escluso». Quello che chiede Sala, in sintesi, è vedere che effetto daranno le misure del nuovo Dpcm per valutare. E, soprattutto, se il lockdown «s’ha da fare io, sindaco del Comune di Milano, da padre di questa comunità voglio essere coinvolto, voglio vedere i dati e voglio essere partecipe della decisione». Il governatore della Lombardia Attilio Fontana, nel frattempo, ha indetto una riunione con tutti i sindaci per lunedì.


© RIPRODUZIONE RISERVATA