Domenica 07 Maggio 2006

L’Avis di Bergamo scrive ai giovani «Diventate donatori di sangue»

L’Avis di Bergamo si rivolge ai giovani, per sensibilizzarli alle donazioni di sangue. Con il sostegno dell’assessorato alle Politiche giovanili del Comune, infatti, l’Avis ha inviato una lettera ai giovani bergamaschi invitandoli a considerare la questione delle donazioni. La lettera è firmata dal presidente dell’Avis comunale, Mario Rivola, e dell’assessore alle Politiche giovanili di Palazzo Frizzoni, Fabio Rustico, la riceveranno 16.500 giovani.I donatori bergamaschi donano ogni anno 35.000 sacche di sangue (ognuna ne contiene circa mezzo litro) con un gesto di solidarietà che ridona vita e speranze. Si tratta di una quantità enorme, che da un lato consente alla nostra provincia di essere del tutto autosufficiente per quel che riguarda la «produzione» di sangue e di emoderivati, e, dall’altro, di contribuire a soddisfare i bisogni di altre zone d’Italia, il Lazio e la Sardegna in particolare. Tuttavia si pone il problema di alimentare costantemente la cultura delle donazioni e a questo risponde l’iniziativa dell’Avis di Bergamo. «Il sangue – si legge nella lettera – non può essere prodotto in laboratorio e viene quindi donato da numerosi volontari. Per i più giovani di voi, che hanno appena raggiunto la maggiore età o per quelli più grandi, che ancora non hanno preso in considerazione l’importanza di questo gesto, queste poche righe vogliono rappresentare un invito a interessarsi a questa tematica, prendendo in seria considerazione l’ipotesi di diventare donatori voi stessi». Da qui il suggerimento di rivolgersi alla sede rionale più vicina o a quella comunale, al Monterosso, o di cercare indirizzi e orari di apertura sul sito Internet www.avisbergamo.it.Intanto l’Avis comunale è pronta per festeggiare – il 17 giugno prossimo – il 70° di fondazione. Lo farà con un concerto sinfonico in programma al Teatro Donizetti (ingresso gratuito, dopo aver ritirato i biglietti alla sede del Monterosso) e con una manifestazione nel «Ridotto» del teatro il giorno successivo, cui prenderanno parte anche i vertici nazionali e regionali e provinciali. Al Quadriportico del Sentierone sarà invece presente uno stand che offrirà un annullo postale per celebrare l’evento.(07/05/2006)

a.campoleoni

© riproduzione riservata