Mercoledì 12 Marzo 2014

Malore sul campo di calcetto

Muore a 45 anni: donati gli organi

La palestra comunale di Lurano, dove Ovidio Passera si è sentito male l’altra sera mentre giocava a calcetto

L’emorragia cerebrale che l’ha improvvisamente colpito è risultata troppo estesa. Ovidio Passera, 45 anni di Verdello, che lunedì sera ha avuto un malore mentre stava giocando una partita di calcetto nella palestra comunale di Lurano, non ce l’ha fatta: è morto martedì mattina, dopodiché sono partite tutte le procedure previste per il prelievo degli organi a cui i familiari hanno dato l’assenso.

Un ultimo gesto generoso per Passera che abitava in via Adua 52, insieme alla moglie Mariangela e alle figlie di 4 e 9 anni, oltre che ai genitori e al fratello Danilo.

Lunedì sera erano accorsi alla palestra di Lurano dopo essere stati informati che Ovidio aveva appena avuto un malore. Subito è partita la chiamata ai soccorsi e, dopo pochi minuti, è arrivata sul posto l’automedica del 118 il cui personale ha intubato e sottoposto alle prime cure il 45enne.

Passera è quindi stato trasportato d’urgenza in ambulanza a Bergamo, all’ospedale Papa Giovanni XXIII, dove i medici con il passare delle ore non hanno lasciato speranze di una sua possibilità di ripresa. La partita di calcetto era una tradizione del lunedì, che portava avanti a livello amatoriale con i suoi amici da circa 15 anni. La data dei funerali, invece, non è ancora stata fissata.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 12 marzo

© riproduzione riservata