«Mio marito si è ucciso, ma era innocente Non ha retto il peso di accuse ingiuste»

«Mio marito si è ucciso, ma era innocente
Non ha retto il peso di accuse ingiuste»

«Lo scriva a caratteri cubitali e metta pure il mio nome e cognome: mio marito era innocente, non ha retto il peso di accuse ingiuste».

Ne è convinta Andreina Sebastiani: è stata l’angoscia provocata dal vedersi accusato «ingiustamente» di un reato infamante a spingere suo marito Roberto Crespi, 68 anni, a salire sul tetto di casa sua a Gorlago e lanciarsi nel vuoto, nel pomeriggio di San Silvestro. Non il rimorso o il senso di colpa di chi è stato scoperto, bensì la disperazione di un uomo che si professava innocente ed era finito sotto inchiesta con un’accusa particolarmente odiosa: abusi su minori.

Crespi faceva il rappresentante e abitava a Gorlago, in via Asperti 11. Incensurato, da pochi giorni aveva appreso di essere finito nel registro degli indagati. Il pm Letizia Ruggeri aveva aperto un fascicolo a suo carico con l’accusa di abusi su due sorelline. Le contestazioni si riferivano a presunti episodi abbastanza datati, che sarebbero avvenuti fra il 2007 e il 2009, emersi soltanto di recente per via di una circostanza particolare.

Una delle due ragazzine, in un tema scolastico durante l’ora di Religione, avrebbe fatto allusioni a presunte attenzioni particolari ricevute anni addietro (da quando aveva 7 anni fino ai 9) da parte dell’uomo. La scuola si era attivata, la famiglia era stata informata. Ne è nato un procedimento penale, che era soltanto alle fasi iniziali. Poco prima di Natale la polizia giudiziaria si era presentata a casa di Crespi per sequestrargli il computer, sul quale gli inquirenti avevano intenzione di svolgere analisi. In quel momento l’uomo aveva saputo di essere sotto inchiesta.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 03/01/2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA