Lunedì 01 Ottobre 2007

Mons. Carlo Mazza nominato vescovo di Fidenza

Papa Benedetto XVI ha nominato monsignor Carlo Mazza, finora direttore dell’ufficio nazionale della Conferenza Episcopale Italiana per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo, Sport, nuovo vescovo di Fidenza. Monsignor Mazza è nato ad Entratico il 7 gennaio 1942. Dopo il Diploma Magistrale, è entrato nel Seminario Diocesano di Bergamo dove ha ricevuto la formazione sacerdotale e ha compiuto gli studi teologici. Il 21 dicembre 1968 è stato ordinato sacerdote, incardinandosi nella diocesi di Bergamo. Successivamente ha conseguito la Licenza in Teologia alla Pontificia Università Lateranense e il Master in Turismo, presso l’Università Bocconi di Milano; la Laurea in Lettere e Pedagogia, presso l’Università Cattolica di Milano; il Dottorato in Teologia. Ha pubblicato diversi studi di spiritualità e saggi sulla Pastorale del Turismo, dello Sport e dei Pellegrinaggi, collaborando a diverse riviste e periodici cattolici. Dal 1969 al 1974, ha svolto servizio pastorale come Vicario Parrocchiale prima a Credano e poi a Curnasco. Dal 1974 al 1982 è stato Parroco a Piazzatorre e Piazzolo. Dal 1976 al 1978, ha ricoperto l’incarico di Segretario del Centro Diocesano per la Pastorale del Tempo Libero. Chiamato a Roma, dal 1982 al 1985 è stato Addetto dell’Ufficio Cattolico Italiano Turismo (UCIT). Successivamente, dal 1985 al 1987, è stato Aiutante di studio alla Segreteria Generale della Cei e dal 1988 è Direttore dell`Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport. È Cappellano del Papa dal 1990. Dal 1994 al 2001 è stato Docente alla Pontificia Università Lateranense (Teologia e Spiritualità del Pellegrinaggio). È stato Segretario del Comitato Nazionale per il Grande Giubileo dell’Anno 2000. Dal 2002 è Docente di Storia del turismo religioso e beni culturali all’Università Milano-Bicocca nella Facoltà di Sociologia. E’ stato Cappellano della Squadra Italiana alle recenti Olimpiadi e ai Giochi del Mediterraneo.(01/10/2007)

e.roncalli

© riproduzione riservata