Neonata portata morta in ospedale: la mamma evita di rispondere al pm

Neonata portata morta in ospedale:
la mamma evita di rispondere al pm

Sì è avvalsa della facoltà di non rispondere A. M., l’infermiera di 29 anni di Colognola indagata a piede libero per omicidio e occultamento di cadavere della figlia neonata.

La donna è ancora ricoverata nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, dove mercoledì 17 marzo alle 10 si è presentata il pm Lucia Trigilio per interrogarla. «Non è ancora nelle condizioni psico-emotive tali da affrontare un interrogatorio - spiega Giuseppe Nicoli, uno dei due avvocati difensori - e solo per questo ha ritenuto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Si riserva in futuro, quando le sue condizioni saranno migliorate, di farsi ascoltare dal pm ma ora è troppo traumatico per lei ripercorrere quei momenti».

L’infermiera - che viene seguita da una psicologa - è indagata dal 5 marzo, giorno in cui si è presentata al pronto soccorso del Papa Giovanni, accompagnata dalla madre e da una vicina, con la bimba morta tra le braccia. La donna era in stato confusionale e ha riferito di averla data alla luce in casa qualche giorno prima. Sulle cause della morte farà chiarezza l’autopsia, il cui esito sarà depositato entro il 10 maggio.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola giovedì 19 marzo 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA