«Non pagano a Milano» Senza ascensore a Bergamo

«Non pagano a Milano»
Senza ascensore a Bergamo

Sembra essere tornata la normalità in via della Clementina, a pochi passi da via Borgo Palazzo, dove, da lunedì scorso, in cinque palazzine non si potevano utilizzare gli ascensori, con molti disagi soprattutto per i residenti più anziani dei piani alti.

Il servizio, che coinvolge un centinaio di famiglie, è stato bloccato da Heracomm, la società fornitrice di energia, senza nessun preavviso per i numerosi abitanti degli stabili, appartenenti al fondo immobiliare «Scoiattolo» del gruppo Bnp Paribas Real Estate Management Italy. Alla base del disservizio non compaiono guasti tecnici, bensì una curiosa gestione del fornitore dell’energia.

A spiegare ciò che è avvenuto lunedì scorso sono infatti stati i responsabili territoriali del fondo immobiliare che puntano il dito contro Heracomm: «Abbiamo ricevuto immediatamente la segnalazione – commentano i vertici – e subito ci siamo messi al lavoro per risolvere la questione. Il nostro fondo gestisce molti immobili in Lombardia e in uno, nella città di Milano, risultava da lunedì un mancato pagamento. A causa di questo difetto a Milano, la società fornitrice ha deciso di diminuire il voltaggio corrente indistintamente in tutti gli stabili da noi gestiti, creando notevoli problemi e disagi ai cittadini». A Bergamo, secondo quanto dichiarato dal fondo immobiliare, i pagamenti erano tutti in regola e il ritardo di pagamento riguarda esclusivamente l’edificio milanese.

«Certamente la società ha fatto una cosa che non potrebbe fare perché non ha verificato dove fosse il mancato pagamento, colpendo indistintamente tutti i residenti. Abbiamo, proprio per questo, inoltrato una diffida alla società perché riteniamo scorretto il loro comportamento: speriamo che in futuro verifichino la situazione specifica, individuando esattamente i responsabili» hanno detto i responsabili.

Per queste ragioni, nelle cinque palazzine non è mai mancata la corrente elettrica: solo il servizio ascensori è stato bloccato a causa della diminuzione del voltaggio che non consentiva il corretto funzionamento del sistema. A causa di questo stop improvviso, una donna è rimasta bloccata lunedì all’interno dell’ascensore e per liberarla è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Fortunatamente venerdì mattina, intorno alle 8, sono tornati correttamente a funzionare gli ascensori e per tutti i residenti è stato un grande sollievo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA