Ok regionale, fondi bloccati Arrivano i soldi per i Comuni

Ok regionale, fondi bloccati
Arrivano i soldi per i Comuni

Dalle bonifiche alle manutenzioni delle scuole, dall’asfaltatura delle strade ai lavori contro le esondazioni dei torrenti. Con i 16,6 milioni sbloccati dalla Regione per le amministrazioni virtuose nell’ambito del Patto di stabilità territoriale diversi Comuni bergamaschi e la Provincia potranno pagare importanti interventi conclusi o da concludere.

In totale per i Comuni sono stati stanziati 11.324.827 euro (nella tabella tutte le somme sbloccate) mentre la Provincia beneficerà di 5.393.989 euro. La boccata d’ossigeno più consistente dopo quella riservata al capoluogo Bergamo (1,6 milioni) è per Caravaggio, che avrebbe a disposizione 979.544 euro per i restauri della chiesa di San Bernardino e dell’ex ospedale, ma si trova a dover centrare il difficile obiettivo di fare bando e lavori entro l’anno, non nel 2015 come prevedeva il Comune.

A stretto giro di ruota Treviglio, con 950 mila euro: «Avevamo fatto richiesta di sblocco - spiega il sindaco Giuseppe Pezzoni - per poter pagare le ditte che avevano eseguito lavori di una certa importanza. Non potevamo fare fronte alle loro esigenze nel rispetto del Patto di stabilità, ora questa decisione della Regione rende meno gravosa la situazione».

A Treviglio il settore finanziario dovrà pagare lavori prevalentemente già fatti: «Si tratta di interventi che per 400 mila euro hanno riguardato il consolidamento delle sponde nelle rogge - spiega il sindaco - e anche di adeguamento dei sistemi di approvvigionamento idrico. Inoltre 200 mila euro andranno ai creditori che hanno messo in sicurezza, dove necessario, alcuni edifici scolastici». La rimanente parte sarà destinata al saldo di altri lavori già eseguiti.

Al terzo posto Grumello del Monte: «Questi 494 mila euro - dice il sindaco Nicole Noris - sono una boccata d’ossigeno. Abbiamo sempre rispettato il Patto di stabilità riuscendo a garantire, seppur con difficoltà, tutti i servizi. Con queste quote pagheremo gli interventi effettuati nel 2013 e portati a termine nel 2014: il tetto della scuola primaria (parte vecchia), il piano asfalti e altre opere ancora tra cui due sgambatoi per cani. Potremo pagare tutti i fornitori, piccoli e grandi, e fare fronte alle spese ai danni del maltempo. Nei prossimi giorni pianificheremo il tutto».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 19 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA