Venerdì 18 Luglio 2014

Parchi, 8 milioni per valorizzarli

Montagna, pronti 70 mila euro

Montagne bergamasche

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta degli assessori Claudia Maria Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile) e Antonio Rossi (Sport e Politiche per i giovani), ha approvato gli «Interventi regionali per promuovere la valorizzazione e la fruibilità dei Parchi regionali in occasione di Expo 2015».

«Regione Lombardia, così come il mio Assessorato, è in prima linea per la tutela della biodiversità e, anche attraverso questo intervento, conferma il suo impegno a rendere sempre più fruibili queste aree verdi di grande pregio ambientale, anche in vista di Expo» ha dichiarato l’assessore Terzi. «Si tratta di un intervento che riguarda anche il territorio montano - ha aggiunto l’assessore Antonio Rossi -, e che mira a valorizzarne le peculiarità in materia di turismo eco-sostenibile. Attraverso questi temi è possibile promuovere la nostra regione, che per il 40 per cento è fatta di montagne e che vanta aree naturalistiche di assoluto valore, in grado di raccontare la storia e la cultura delle nostre radici anche attraverso la conoscenza delle biodiversità e delle strategie ambientali».

L’importo complessivo della spesa ammonta a 8 milioni di euro, da imputare al capitolo «Contributi agli enti gestori delle aree protette regionali per interventi di tutela e riqualificazione ambientale, di sviluppo delle attività sostenibili e di fruizione e per l’acquisizione di aree o di beni nelle aree protette regionali e nei parchi locali di interesse sovracomunale», di cui 1.600.000,00 euro sul Bilancio 2014, e 6.400.000,00 euro sul Bilancio 2015.

Il territorio interessato è quello dei 24 parchi regionali. L’obiettivo è la salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione delle aree protette, parchi naturali, protezione naturalistica e forestazione. In particolare, gli interventi di investimento mirano a:valorizzare il territorio lombardo compreso nelle aree protette favorendo il turismo sostenibile e la fruizione di qualità, promuovendo l’offerta coordinata di servizi e coniugando la valorizzazione delle vocazioni territoriali con la tutela della biodiversità; rafforzare le strategie ambientali sul territorio quali elementi di coerenza e coesione tra le politiche dei Parchi e delle istituzioni locali.

E dai parchi si è parlato anche di montagna: «Sono stati definiti i criteri e le modalità a cui Regione Lombardia intende attenersi nel valutare le proposte di promozione delle attività della montagna e delle professioni alpine presentate dal Collegio regionale delle guide alpine» ha detto Rossi: «Questo provvedimento - ha continuato - fissa i criteri sulla base dei quali, per l’anno 2014, saranno valutati i progetti presentati dal Collegio regionale delle guide alpine, finalizzati alla promozione dell’ambiente montano e della figura delle professioni alpine».

«Il nostro impegno finanziario ammonta a 70.000 euro - sottolinea l’assessore Rossi -, si tratta del proseguimento delle azioni che ci consentono di concedere, ai Collegi regionali, contributi per la promozione delle attività di montagna e delle professioni alpine e, ogni anno, al Collegio regionale delle guide alpine concediamo un contributo per favorire la conoscenza delle peculiarità di questi professionisti della montagna».

© riproduzione riservata