Partigiano ucciso, estradizione per il boia

Partigiano ucciso, estradizione per il boia

Il Canada ha concesso l’estradizione per il «boia di Bolzano», Michael Seifert, il caporale delle SS condannato all’ergastolo nel 2000 dal Tribunale militare di Verona per aver torturato e ucciso almeno 18 prigionieri. Tra questi il 18enne di Branico di Costa Volpino, Bortolo Pezzutti che nel ’44 venne arrestato dalla legione Tagliamento all’uscita dal cinema, a Lovere, per non essersi tolto il fazzoletto rosso dal collo. Bortolo Pezzutti venne mandato al carcere di Bolzano e lì subì le cattiverie e il sadismo di Misha Seifert e del suo compare Otto Stein: la mattina di Pasqua del 1945 morì in modo atroce sotto le torture dei due aguzzini. Dal ’51 il boia di Bolzano vive a Vancouver: dopo la condanna ci sono voluti anni per avere il via libera all’estradizione.(17/04/2006)

© RIPRODUZIONE RISERVATA