Venerdì 30 Novembre 2007

Prezzi al consumo sempre in aumento: +0,2%

A novembre 2007, l’indice dei prezzi al consumo a Bergamo risulta in aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a +1,8%, in diminuzione rispetto al mese scorso. Il mese è stato caratterizzato da aumenti diffusi. Il capitolo che registra la maggiore variazione è stato quello «Altri beni e servizi» nel quale crescono i servizi alla persona e quelli finanziari oltre che le professioni liberali, l’oreficeria e gli articoli da viaggio; seguono quello dei Mobili, articoli e servizi per la casa dove aumentano i prodotti di arredamento e gli attrezzi per il giardino e quello dei Trasporti dove oltre al forte incremento dei carburanti sono segnalate crescite anche per ricambi e accessori, lubrificanti e noleggio veicoli. La crescita dei prodotti petroliferi influenza anche il capitolo Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili nella voce di prodotto dei combustibili liquidi. Questo mese è in salita anche il capitolo delle Comunicazioni a causa delle apparecchiature telefoniche; quello dell’Abbigliamento e calzature in particolare per aumenti nel vestiario; quello dell’Istruzione a causa della formazione professionale. Continua la crescita dei Generi alimentari dove le quotazioni medie dei prodotti mostrano incrementi diffusi, solo in parte controbilanciati da qualche calo. Lieve apprezzamento complessivo per le Bevande alcoliche e tabacchi, nello specifico, per aumenti nei vini e birre. Unico capitolo in controtendenza è quello dei Servizi ricettivi e di ristorazione nel quale alle diminuzioni nei prodotti elettronici e turistici si contrappongono aumenti nelle riparazioni apparecchi elettronici, discoteche e scuole di ballo e giornali. Invariati a livello complessivo, ma contrastati nel loro interno, i capitoli dei Servizi sanitari e spese per la salute e quello della Ricreazione, spettacoli e cultura. (30/11/2007)

e.roncalli

© riproduzione riservata