Profughi, la Lega: «Trasferite il prefetto»   Ribolla: «Non rispetta le autonomie locali»
Romano di Lombardia, l’arrivo dei profughi

Profughi, la Lega: «Trasferite il prefetto»

Ribolla: «Non rispetta le autonomie locali»

L’emergenza profughi scatena la Lega Nord. Il Carroccio propone per la seduta del consiglio comunale di Bergamo in programma lunedì sera un ordine del giorno nel quale si chiede tra l’altro il trasferimento del prefetto Francesca Ferrandino.

L’ordine del giorno firmato da Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord, e dal consigliere Luisa Pecce chiede prima di tutto che il Governo si attivi, sull’esempio di numerosi Stati nel mondo, come ad esempio l’Australia, a predisporre delle iniziative atte a disincentivare l’arrivo di immigrati nel nostro Paese, programmando una serie di investimenti e aiuti nelle aree di provenienza dei migranti.

E poi un impegno reale da parte dell’Unione Europea nella gestione e nel controllo dei flussi migratori dal Nord Africa.

Profughi a Treviglio

Profughi a Treviglio

Sul fronte locale impegna il sindaco a diffidare la Prefettura ad inviare sul nostro territorio comunale quote di immigrati in attesa dello status di rifugiato e a non concedere/autorizzare, di conseguenza, alcuna disponibilità di altri spazi pubblici o privati.

Infine sollecita il Ministro degli Interni a trasferire in altra sede il prefetto di Bergamo in carica, vista la sua scarsa considerazione delle autonomie locali, la mancanza di rispetto dei sindaci e di tutte le comunità locali a cui impone scelte che vanno a minare la coesione sociale e a creare tensione tra la popolazione residente.

Ma non basta: La Lega torna alla carica e nell’ordine del giorno chiede di imporre all’attuale prefetto di Bergamo il pagamento, prima del suo trasferimento, degli affitti arretrati degli uffici della Prefettura e dell’appartamento prefettizio che ammontano ad oggi a quasi 2 milioni di euro nei confronti dell’Amministrazione Provinciale.

L’ordine del giorno sarà presentato lunedì nel tardo pomeriggio al consiglio comnale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA