Regolamento anti-movida al Borgo Dal Tar 1-0 del Comune sugli esercenti

Regolamento anti-movida al Borgo
Dal Tar 1-0 del Comune sugli esercenti

Il Tar ha respinto il ricorso contro il regolamento anti-movida: niente sospensiva.

Il ricorso era stato avanzato nei giorni scorsi al Tar di Brescia dallo studio legale che fa capo all’avvocato bresciano Domenico Bezzi e che segue il gruppo di esercenti dei bar di Borgo Santa Caterina nella battaglia legale contro il regolamento di Palafrizzoni che prevede la chiusura tutti i giorni mezz’ora dopo la mezzanotte, con possibile bonus di un’ora (chiusura all’una e mezza) in caso di messa in atto di meccanismi virtuosi.

Martedì 14 luglio il Tar ha rigettato la richiesta di sospensiva, fissando l’udienza di merito al primo settembre. Per i gestori dei locali del Borgo d’Oro nulla di grave, la battaglia legale è solo all’inizio: «Ci aspettavamo che non venisse accettata la richiesta di sospensiva: in sostanza il Tar non si è espresso e ha evitato di esporsi nell’immediato sulla questione» ha sottolineato Luca “Buzz” Rebuzzi, titolare del Reef Café, tra i promotori del ricorso.

Da Palazzo Frizzoni arriva invece una lettura diversa. Ha spiegato il vicesindaco Sergio Gandi: «Il Tar ha confermato che abbiamo seguito una strada coerente con le indicazioni ricevute a suo tempo dallo stesso tribunale. In attesa dell’udienza confidiamo nella buona volontà degli esercenti per l’applicazione del regolamento e della relativa ordinanza».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola mercoledì 15 luglio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA