Ricordate i gatti lasciati davanti  a L’Eco? Da sabato 4 sono tutti da adottare

Ricordate i gatti lasciati davanti a L’Eco?
Da sabato 4 sono tutti da adottare

Ricordate la dozzina di gatti abbandonati davanti a L’Eco di Bergamo? Ecco, 7 sono pronti per essere adottati. I mici sono difatti giunti al gattile Enpa di Bergamo, presi in consegna lunedì 29 settembre e in attesa di adozione.

«Sabato 4 ottobre potranno essere pre affidati e saranno pronti per essere ceduti da sabato 11 ottobre, dopo il normale periodo di osservazione sanitaria necessario. Sono tutti giovani e bellissimi, nonchè vaccinati ed ora sterilizzati tutti» fa sapere l’Enpa. Chi fosse interessato a dare finalmente una collocazione definitiva a questi micioni, potrà recarsi sabato 4 ottobre dalle 14,30 alle 17,30 al Gattile Enpa di Via Borgo Palazzo 213.

Le gabbiette con i gatti abbandonate davanti a L’Eco di Bergamo

Le gabbiette con i gatti abbandonate davanti a L’Eco di Bergamo

La vicenda era iniziata lo scorso 12 settembre, quando nelle prime ore del mattino qualcuno aveva fatto trovare davanti alla redazione de L’Eco di Bergamo quattro gabbie con 12 gatti, accompagnate da una lettera di un (sedicente) volontario che muoveva pesanti critiche a 360 gradi: «Non sono alla ricerca di sensazioni forti o notorietà: amo gli animali, non lo ho mai abbandonati, sono la vittima di un sistema che non funziona pieno di arroganza e menefreghismi» uno dei passaggi della lettera. Che aveva sollevato pesanti critiche e perplessità nel mondo dell’Enpa e tra i volontari stessi del gattile.

I gatti abbandonati lo scorso 12 settembre fuori da L'Eco di Bergamo

I gatti abbandonati lo scorso 12 settembre fuori da L'Eco di Bergamo

Le quattro gabbie erano state poi ritirate dalla polizia locale. A Palafrizzoni si erano così attivati l’assessore all’Ambiente Leyla Ciagà e la garante degli animali Paola Brambilla. L’Asl ha effettuato dei controlli sanitari, prima di consegnare ii gatti al Parco delle Cornelle. Da lunedì 29 settembre sono al gattile dell’Enpa, e aspettano un padrone. Anzi, tanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA