Rifugiati, 1.300 ospitati in Bergamasca Il vescovo chiede uno scatto in avanti

Rifugiati, 1.300 ospitati in Bergamasca
Il vescovo chiede uno scatto in avanti

In Bergamasca sono 1.300 i richiedenti asilo (maschi, giovani, soli, poche le famiglie) rispetto ad un totale di 389 parrocchie,con una media quindi di tre persone a parrocchia.

Il vescovo mons. Beschi ha fornito i numeri dell’accoglienza nel nostro territorio in occasione della giornata mondiale di lotta alla povertà. «Un impegno impressionante della Diocesi, di Caritas, Diakonia, delle cooperative Ruah e Rinnovamento, Patronato San Vincenzo sia nella gestione che nella messa a disposizione delle strutture».

Monsignor Francesco Beschi nel suo intervento ha ricordato con forza «come nei mesi scorsi si sia dovuto assistere a prese di posizione volgari e violente, deliberatamente falsificanti, che hanno visto protagonisti anche fedeli che fanno parte delle nostre comunità».

Il vescovo Francesco Beschi

Il vescovo Francesco Beschi
(Foto by Yuri Colleoni)

Diretta è la denuncia nei confronti di «soggetti sociali importanti» e «della maggioranza delle amministrazioni ed istituzioni locali, di cui in questi mesi si è avvertita l’assenza, latitanza, lentezza e resistenza e che spesso hanno compiuto scelte che hanno ostacolato le disponibilità all’ospitalità presenti nei territori».

La Chiesa di Bergamo insomma ha fatto molto ancora prima che l’appello di Papa Francesco del 7 settembre sollecitasse le 27 mila parrocchie italiane a mettersi a disposizione ospitando una famiglia di profughi.

Il vescovo ha anche sollecitato la disponibilità alla gestione dell’accoglienza da parte di altri, la necessaria «presa di posizione dei diversi soggetti sociali, economici e culturali del nostro territorio», il «superamento di normative che appesantiscono le possibilità di accoglienza diffusa».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA