Risiko aeroporti, Montichiari non decolla e apre all’alleanza con Orio al Serio

Risiko aeroporti, Montichiari non decolla
e apre all’alleanza con Orio al Serio

In un’intervista sul Corriere della Sera di Brescia, Giuseppe Ambrosi presidente dalla Camera di Commercio bresciana non preclude possibilità di accordo.

19 mila passeggeri in un anno quello che fa in 12 ore l’aeroporto di Orio al Serio. I numeri spiegano meglio di qualsiasi parola di come l’aeroporto bresciano di Montichiari sia fermo al palo e di come si debba attuare una strategia di rilancio. In un’intervista al Corriere Giuseppe Ambrosi (nominato il 2 giugno Cavaliere del Lavoro dal presidente della Repubblica) manager a capo dell’omonima industria lattiero-casearia, presidente della Camera di Commercio, primo azionista di Abem (ha il 50,5%) che «cogestirà» il D’Annunzio, ribadisce fiducia nei veneti di Catullo e Save ma ammette di non avere alcuna preclusione ad un’alleanza con i bergamaschi per la gestione dell’aeroporto bresciano. Che però deve passare necessariamente attraverso un accordo con i veneti di Catullo e Save.


© RIPRODUZIONE RISERVATA