Sanità, liste d’attesa più lunghe Per molti esami si va oltre i 90 giorni

Sanità, liste d’attesa più lunghe
Per molti esami si va oltre i 90 giorni

L’operazione «ambulatori aperti», lanciata nel settembre scorso dalla Regione Lombardia con l’estensione degli orari di erogazione delle prestazioni alla sera, al sabato e alla domenica mattina, «non ha ridotto i tempi di attesa» soprattutto per quanto riguarda «oculistica, ecografie, colonscopia e risonanza magnetica».

L’attacco arriva da Orazio Amboni del dipartimento welfare della Cgil bergamasca, secondo cui prima della partenza di «ambulatori aperti» le prestazioni con tempi di attesa superiori a 90 giorni erano al 37,2%, mentre a maggio erano salite all’80,6%.

«Non so che cosa si aspettasse la Cgil – replica l’assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani –. Io posso dire che in 10 mesi abbiamo erogato quasi 220 mila prestazioni in più, di cui 16.200 nella Bergamasca».


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 25 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA