Scatti che valgono un Oscar  Di Ponte Nossa la star dei red carpet
Matteo Mignani a tu per tu con George Clooney, da lui fotografato

Scatti che valgono un Oscar

Di Ponte Nossa la star dei red carpet

Ha avuto la fortuna di far vedere le foto giuste alle persone giuste e si è trovato catapultato sui red carpet dei festival più importanti.

Dal 2008 il Festival di Venezia, poi Taormina e ovviamente Roma, dove ha immortalato i volti più cool del grande schermo. Intanto si gode il successo del film «Poli opposti», nelle sale in queste settimane, di cui ha curato foto di scena e backstage.

Autore degli scatti più glamour è Matteo Mignani, nossese doc, famoso per uno scatto che ha immortalato George Clooney. Questa foto di Matteo ha fatto il giro del mondo, così come quelli di – tanto per fare qualche esempio – Quentin Tarantino, Al Pacino, Madonna, Matt Damon, Scarlett Johansson, Richard Gere o Johnny Depp, poi ancora Anita Ekberg, Gina Lollobrigida, Ennio Morricone,

Quarantun’anni, Mignani ha vissuto a Ponte Nossa fino ai 18 anni e dal 2008 ha il suo quartier generale a Roma, «ma con lo studio Inesse che si occupa principalmente di wedding, con l’approccio e lo stile imparato sui red carpet, mi sposto dal Veneto alla Sicilia. E chissà che non ricapiti di tornare in valle per scattare matrimoni».

Tornando al cinema, grande passione di Mignani, è un elemento che ne ha determinato il suo «emigrare» dalla Valle Seriana alle grandi città. «Ponte Nossa l’ho lasciata appena dopo il liceo scientifico a Clusone – racconta –, volevo vivere dove succedono le cose. Librerie, concerti, presentazioni, attività, cinema. E per il cinema l’unica città possibile è Roma». Poi la musica, coltivata nella banda del paese dove suonava il clarinetto, esplorata studiando anche chitarra e basso che oggi Matteo suona negli Odiens. Dopo l’università a Pavia dove studia lettere, Matteo lavora a Milano in una piccola casa editrice, «ci avevo provato anche a Roma ma la fotografia stava già assorbendo tutto il tempo», racconta.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 22 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA