Serve sangue gruppo 0 negativo Anche le istituzioni arrivano in Avis

Serve sangue gruppo 0 negativo
Anche le istituzioni arrivano in Avis

Rossi, Gori, Carnevali, e Nicora in Avis: «Siamo vicini a questa grande associazione e vogliamo aiutarla a crescere ancora di più».

Puntuali nella mattinata del 17 gennaio anche i rappresentanti istituzionali, al pari dei tantissimi avisini che lo hanno fatto in questi tre giorni, si sono presentati in Avis per rispondere alla richiesta di sangue (di gruppo 0 negativo) lanciata dall’Ospedale Papa Giovanni XXIII.

A fare gli onori di casa il presidente e la vicepresidente di Avis provinciale, Oscar Bianchi e Elisabetta Lanfranchi che - al termine degli accertamenti sanitari (colloquio con il medico, visita e prelievo) preliminari alla valutazione di idoneità alla donazione a cui si sono sottoposti il primo cittadino di Bergamo, Giorgio Gori, il presidente della Provincia, Matteo Rossi, l’onorevole Elena Carnevali, il direttore generale del Papa Giovanni XXIII, Carlo Nicora – hanno illustrato l’attività dell’associazione che conta 38.000 iscritti e fornisce annualmente circa 72.000 sacche di sangue.

«Era doveroso esserci – ha sottolineato Giorgio Gori – per testimoniare la nostra vicinanza, soprattutto in un periodo di emergenza. Certo il numero degli avisini nella nostra provincia è già un record assoluto, ma non c’è limite al meglio».

«Questo appello è servito anche a noi – hanno concordato Matteo Rossi e Elena Carnevali – È stato un invito a contribuire personalmente. Speriamo di risultare idonei per poter poi continuare regolarmente. È un piccolo gesto ma può ridare la speranza e salvare la vita a tante persone».

Si è rivolto a tutti gli operatori sanitari il direttore del Papa Giovanni: «L’Avis come al solito nei momenti di necessità è in prima linea – ha ricordato Carlo Nicora –. La solidarietà deve essere di tutti, a cominciare da chi ha un ruolo in ambito sanitario. Vorrei che all’appello rispondessero anche tutti i medici, infermieri e tecnici».

Si può donare presso il Centro Avis del Monterosso e in tutte le articolazioni organizzative periferiche (Aop) di Avis che si trovano presso gli ospedali dei seguenti paesi: Calcinate, Gazzaniga, Piario, Ponte San Pietro, Romano di Lombardia, Sarnico, San Giovanni Bianco, Trescore e Zingonia.

Attenzione: per donare presso il Centro del Monterosso occorre prenotarsi via web sulla «Pagina del donatore» del sito www.avisbergamo.it e telefonicamente al numero 035.342222 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA