Sgominata la «banda dei cimiteri» Quattro denunciati per 25 raid

Sgominata la «banda dei cimiteri»
Quattro denunciati per 25 raid

Tre accusati dei furti, uno di ricettazione. Recuperata anche parte della refurtiva in un magazzino. Le statue in bronzo venivano distrutte e i pezzi rivenduti.

Le statue erano custodite in un magazzino abusivo di Palazzolo sull’Oglio. Ma non solo quelle: anche croci, vasi, poartavasi, pluviali e altri oggetti rubati nelle ultime settimane dalle tombe e dalle cappelle dei cimiteri di Castelli Calepio, Cividino, Chiuduno, Tagliuno, e Bolgare, ma anche nei camposanti dei comuni bresciani di Paratico, Palazzolo e Castegnato. In tutto ben venticinque furti denunciati ai carabinieri, che nel giro di pochi giorni sono riusciti a risalire non solo al deposito dove la merce rubata veniva venduta, ma anche ai tre presunti componenti di quella che è balzata agli onori della cronaca con il soprannome di «banda dei cimiteri».

Approfondisci di più acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 9 febbraio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA