Soldi per le varianti di Zogno e Cisano Il ministro Delrio valuta la proposta Bg

Soldi per le varianti di Zogno e Cisano
Il ministro Delrio valuta la proposta Bg

Giorgio Gori lo stuzzica con una battuta: «Il ministro non ha fatto promesse...». «Non faccio promesse che non sono in grado di mantenere». Graziano Delrio incassa e sorride sull’uscio di Palazzo Frizzoni.

Dopo il taglio del nastro della nuova area terminal a Orio, l’incontro in Comune: un’ora e quaranta di faccia a faccia con il sindaco, il presidente della Provincia Matteo Rossi, l’assessore regionale alla Mobilità Alessandro Sorte e i parlamentari del Pd. Sul tavolo il dossier delle opere da presentare al ministro in vista del piano triennale delle infrastrutture che il governo varerà a settembre, in cui compaiono il raddoppio ferroviario della Montello-Ponte San Pietro (80 milioni) con la fermata al nuovo ospedale, le varianti di Zogno e Cisano, ma anche il treno per Orio da 195 milioni.

Se non un libro dei sogni, quasi. Il ministro n on ha promesso soldi, ma ha dato la disponibilità a prendere in considerazione «molto seriamente» la proposta avanzata che permetterebbe di sbloccare le due varianti, di Zogno e Cisano. Come? «L’idea è che lo Stato che già finanzia la variante di Cisano per 35 milioni ne aggiunga altri cinque, liberando il finanziamento di 5 milioni della Regione da dirottare su Zogno» spiega Gori. Zogno rappresenta la «questione ineludibile perché il cantiere è aperto. Sono già stati spesi 45 milioni, ne mancano 31. La Regione ne metterà 16, uno dovrebbe metterlo la Provincia. Resta il problema degli altri soldi che potrebbero essere recuperati con i ribassi d’asta».

Il ministro alle Infrastrutture però ai microfoni non si è sbilanciato . «Oggi abbiamo discusso del collegamento ferroviario est-ovest e del treno per Orio che è prioritario. Sono soddisfatto di vedere che qui a Bergamo ci sono ragionamenti maturi, progetti di qualità, li valuteremo con attenzione nell’ambito della negoziazione con la Regione con cui dovremo predisporre il piano».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 26 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA