Spaccata in tabaccheria nel Bresciano Fuga, sparatoria, finiscono a Treviglio

Spaccata in tabaccheria nel Bresciano
Fuga, sparatoria, finiscono a Treviglio

Dopo una spaccata in una tabaccheria nel centro di Brescia, in via Gamba, una banda di tre albanesi è scappata non rispettando il posto di controllo di una macchina dei carabinieri.

Il colpo nella notte tra lunedì 19 e martedì 20 maggio in una tabaccheria dove il gruppo ha rubato una decina di stecche di sigarette. I tre sono scappati a tutta velocità ed è scattato un inseguimento con tanto di sparatoria dopo che la loro macchina, una Golf, ha quasi investito un militare del carabiniere del Nucleo Radio Mobile della compagnia di Brescia che aveva predisposto un blocco: i carabinieri hanno infatti sparato alcuni colpi per bloccare la macchina, ma senza successo.

Intorno alle 3 del mattino, però, proprio nella Bergamasca, all’ospedale di Treviglio, tre uomini feriti si sono presentati al Pronto Soccorso dove sono arrivati nonostante una gomma forata. Le ferite da arma da fuoco hanno subito messo in allarme i medici e immediato il contatto con le forze dell’ordine e la risoluzione del caso. Uno dei tre albanesi è stato operato nelle prime ore del mattino, gli altri due sono stati medicati: sono tutti fuori pericolo e ora in stato di fermo. La refurtiva è stata recuperata.

Secondo le forze dell’ordine la banda non era al primo colpo nel Bresciano e probabilmente è l’autrice di diverse spaccate anche nella Bergamasca. Gli arrestati potrebbero essere infatti gli stessi autori di una spaccata nella stessa tabaccheria avvenuta i primi giorni di maggio.

Oltre ai tre sull’auto, la banda era composta da altre tre persone: questi, alla vista del posto di blocco, hanno fatto inversione riuscendo a scappare. I carabinieri sono però riusciti a recuperare anche l’auto dei fuggitivi: come quella trovata al pronto soccorso, anche questa risulta rubata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA