Stop alla giungla del pane che mangiamo Un decreto per distinguere com’è fatto

Stop alla giungla del pane che mangiamo
Un decreto per distinguere com’è fatto

Permettere al consumatore di scegliere il pane fresco artigianale da quello conservato in altre maniere, come anche le farine con cui viene prodotto.

Sono le due proposte di legge sulle quali si sono espresse favorevolmente i rappresentanti della Federazione italiana panificatori (Fippa), dell’Associazione nazionale dei panificatori (Assopanificatori) e dell’Associazione nazionale panificatori (Assipan), in un’audizione in Commissione Agricoltura della Camera.

Il punto sul quale hanno concordato è che occorre fare chiarezza nel settore informando sulle differenze tra prodotto fresco di giornata e quello sfornato anche al momento, come avviene nei supermercati, ma su basi surgelate magari provenienti dall’estero.

«Occorre colmare un vuoto legislativo che si trascina da 10 anni» afferma il presidente onorario di Fippa, Edvino Jerian, ricordando che la legge Bersani sulle liberalizzazioni prevedeva la distinzione tra pane fresco e non, di cui però non fu mai emanato il decreto legislativo; «il nuovo testo va aggiornato alle nuove esigenze di mercato per ridare un’identità al settore, perchè il consumatore deve sapere che un pane precotto surgelato o uno artigianale non sono la stessa cosa».

«È un testo condivisibile dove però vanno chiariti alcuni punti» spiega il presidente Assipan, Claudio Conti, a partire dalle autorizzazioni preventive delle Asl per l’apertura di un panificio che sarebbero «un tornare indietro di 20 anni» » en venga la distinzione tra i vari tipi di pane - precisa il presidente di Assopanificatori, Davide Trombini - per far capire l’importanza dell’arte artigiana dei panificatori che vuole processi di lievitazione ben diversi; una norma che va a tutela dei cittadini ma anche della tipicità e della specificità del prodotto artigianale italiano» Secondo il presidente occorre battersi non solo su quali farine vengono usate, se da grano duro, tenero, non raffinate o integre, ma anche sulla loro italianità; un punto sul quale occorre fare chiarezza al più presto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA