Tagli, Comuni pronti ad alzare le tasse E arriva lo «sconto» a chi sfora il patto

Tagli, Comuni pronti ad alzare le tasse
E arriva lo «sconto» a chi sfora il patto

Nembro l’ha fatto: dopo dieci anni senza, ha introdotto l’addizionale Irpef nel Bilancio di previsione 2015. Il Comune di Caprino l’ha portata al massimo, allo 0,80%. Molte altre amministrazioni ci stanno pensando. I Comuni, per i minori trasferimenti statali, sono pronti ad aumentare le tasse locali.

«Prima di farlo – è l’invito dei deputati Pd Giovanni Sanga e Antonio Misiani – aspettate il decreto fiscale che passerà in Consiglio dei ministri», probabilmente venerdì 15 maggio.

Dopo il quadro sarà più chiaro, assicurano, con un allentamento del Patto di stabilità e una riduzione delle sanzioni per chi ha sforato il Patto di stabilità nel 2014. È il caso della Provincia di Bergamo: secondo la nuova direttiva non dovrà più restituire allo Stato l’intero sforamento (15,5 milioni di euro), ma solo il 20%, cioè tre milioni. «Un’assunzione di responsabilità», commenta il presidente Matteo Rossi. «Allora sforiamo tutti», attacca la Lega.


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA