Trasferimenti da e per la Svizzera Chi alimentava il conto di Moro?

Trasferimenti da e per la Svizzera
Chi alimentava il conto di Moro?

È materiale ritenuto interessante da chi indaga quello giunto per rogatoria dalla Svizzera: il conto corrente da un milione e 103 mila euro, sotto sequestro da novembre, riconducibile a Marcello Moro.

L’ex assessore ed ex presidente del Consorzio di bonifica è sotto processo per corruzione. I documenti sono sul tavolo del pm Giancarlo Mancusi.

La domanda che anima il lavoro della Guardia di Finanza in questo momento è una: chi alimentava quel deposito estero? La risposta che gli inquirenti vanno cercando è in una lista fornita dalle autorità svizzere: contiene i nomi di coloro che hanno effettuato versamenti o beneficiato di uscite da quel conto rimasto a lungo segreto.

Sono nomi di persone fisiche – stando a indiscrezioni – ma anche di persone giuridiche: chi indaga ipotizza che si tratti di società di diritto estero, ma l’indagine è ancora in corso. L’obiettivo delle Fiamme Gialle è ricondurre quei nominativi a identità specifiche e capire che tipo di rapporti intrattenessero con l’ex politico del Pdl.

Moro – ha ricostruito l’accusa – gestiva quel denaro in deposito tramite una fiduciaria milanese, che risultava intestataria del rapporto, aperto nel dicembre del 2009 alla Pbk Private Bank di Lugano. Proprio perché intestato a una fiduciaria quel deposito era sfuggito ai pur minuziosi accertamenti bancari condotti su Moro da parte degli uomini del Nucleo di polizia tributaria.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 4 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA