Trattori e striscioni per l’addio a Michel Calvenzano, il mondo agricolo in lutto

Trattori e striscioni per l’addio a Michel
Calvenzano, il mondo agricolo in lutto

Sono arrivati con i trattori, hanno esposto striscioni per ricordare il loro amico e collega. La chiesa di Calvenzano era ricolma sabato mattina per l’ultimo addio Michel Mapelli.

L’agricoltore, 25 anni, era morto mercoledì a Caravaggio dopo essersi schiantato contro la recinzione del santuario, al ritorno a casa dopo aver visto con amici la partita di Champions della Juventus. Della squadra bianconera Michel era un grande fan, e per ricordarlo gli amici hanno posato sulla bara una maglietta della Vecchia Signora.

Calvenzano, i funerali di Michel Mapelli

Calvenzano, i funerali di Michel Mapelli

Michel era impegnato a preparare la Festa del ringraziamento, un importante momento di incontro e condivisone per il mondo agricolo: la festa è stata annullata e alle esequie è giunto anche il presidente di Coldiretti Bergamo, Alberto Brivio, che ha letto la preghiera dei coltivatori.

Durante la Messa il parroco don Franco Sudati ha voluto ricordare il suo entusiasmo e la sua voglia di vivere. Al termine delle celebrazioni gli amici, sul sagrato, hanno fatto suonare le note della canzone «Semplicemente ciao» dei Modà, che a Michel piaceva molto.

Domenica della festa del ringraziamento sarà celebrata solo la Messa durante la quale don Franco non potrà non ricordare ancora il venticinquenne.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 9 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA