«Tre scosse, la valanga e la catastrofe» Drammatico racconto del medico alpinista

«Tre scosse, la valanga e la catastrofe»
Drammatico racconto del medico alpinista

Ecco uno stralcio della testimonianza di Annalisa Fioretti, alpinista e medico alla clinica Quarenghi di San Pellegrino, che ha rivissuto sul suo profilo Facebook i drammatici momenti del terremoto al campo base dell’Everest-Lhotse.

« Verso le 11,45 ho sentito il pavimento della tenda muoversi. La mia mente razionale ha subito scartato l’ipotesi di un terremoto: in Himalaya? Peccato che alle prime due scosse sussultorie ne sia seguita una molto forte, ondulatoria, che mi ha scatenato una nausea mostruosa. Mi sono affacciata alla tenda infilandomi a razzo gli scarponi sentendo Mario che urla «fuori» e contemporaneamente Seba che dice «arrivaaa»...».

Annalisa Fioretti, medico e alpinista

Annalisa Fioretti, medico e alpinista

«Mi volto verso il Pumori e vedo una nube grigia arrivare a una velocità incredibile, mi butto nella mia tenda e urlo «Marcoooo quiii!», e Marco si tuffa nella mia tenda seguito da Mario. Pochi secondi e la tenda viene invasa da polvere di neve e sabbia che ci entra nelle vie aeree mentre mi proteggo con un braccio e con l’altro cerco di reggere il tetto della tenda che viene schiacciato dall’urto, per creare una sacca d’aria. Secondi che paiono ore. Poi tutto finisce e ci alziamo con la neve ovunque che ci ha creato baffi, barbe e sopracciglia da babbi natale come fosse collosa».

Le foto apparse sul profilo Facebook del blog di Annalisa Fioretti

Le foto apparse sul profilo Facebook del blog di Annalisa Fioretti

«Le nostre tende sono distrutte e ammucchiate, ma noi siamo coperti da dei seracchi. E attorno? Faccio dieci metri e trovo le prime persone: uno sherpa col bacino rotto pieno di sangue e un altro incastrato nel telo della tenda col viso insanguinato. Allora intuisco la catastrofe! Riempio lo zaino di bende, fiale di anestetico e antidolorifici, flebo e siringhe, infilo due paia di guanti e corro alla tenda medica».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 28 aprile 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA