Martedì 02 Febbraio 2010

Treni pendolari di male in peggio
«Oggi 5 carrozze, 3 erano gelide»

Pendolari sempre più esasperati per le condizioni in cui sono costretti a viaggiare ogni giorno per raggiungere il posto di lavoro. le cose non sembrano essere andate bene nemmeno questa mattina, a giudicare almeno da quanto scrive in redazione Salvatore Vassallo, del Comitato Pendolari Bergamaschi.


«Stamattina - scrive Vassallo in redazione - il treno 2608 delle 8.02 da Bergamo per Milano era composto da 5 (cinque!) carrozze (non 8 come promesso, non 7 come garantito e nemmeno 6). Di queste 5, almeno 3 erano fredde, e una così gelida da essere deserta».

«Assessore Cattaneo - conclude Vassallo - invece di andare a inaugurazioni farlocche di treni veloci tra Milano e il vuoto pneumatico di Malpensa si faccia un giretto sui treni "veri" su cui viaggiano migliaia di pendolari. Assessore Cattaneo a marzo si vota e votano anche i pendolari bergamaschi, non solo quelli di Varese: noi ce lo ricordiamo, e lei?».

Non che la musica sia cambiata al ritorno. Scrive ancora Vassallo: «Al ritorno ho preso un treno comodo: il 2621 da Milano Centrale a Bergamo delle 14.10. Sono salito a Lambrate. La carrozza su cui sono salito era fredda, mi sposto: carrozza fredda, mi sposto: carrozza fredda, mi sposto: carrozza chiusa (fuori servizio)! Fine degli spostamenti. Sulle 3 carrozze su cui sono passato c'erano vari cartelli di "carrozza fuori servizio" già pronti per l'uso, bastava girarli per il verso giusto. Vi siete vergognati a farlo subito? Assessore Cattaneo perché non viene a fare un giretto con noi invece che andare a Malpensa su treni nuovi che noi pendolari non vedremo mai (ma che abbiamo pagato) e che viaggiano su binari vuoti per l'occasione così da arrivare in perfetto orario (cosa che noi pendolari ci sogniamo)?.

Salvatore Vassallo del CPB

«Stamattina il mio treno (7:02) era abbastanza lungo (non ho contato le carrozze, ma sicuramente non erano 8) ...peccato che le ultime tre carrozze fossero fuori servizio...gente in piedi fin da Bergamo. Un collega ha provato a chiedere al capotreno se fosse possibile pagare il biglietto a metà...mezzo treno-mezzo biglietto. Mi sembra un compromesso più che ragionevole! Peccato che i gentili signori di trenitalia intaschino in anticipo i soldi dei nostri abbonamenti e si sentano autorizzati a prenderci in giro ogni giorno... Non so cosa mi spinga a scrivere...ormai è più di un anno che nessuno si degna di rispondere alle nostre proteste... Ciao-ciao»

Alessia

a.ceresoli

© riproduzione riservata