Lunedì 18 Settembre 2006

Treviglio, sarà intitolato a Facchetti il nuovo reparto di oculistica dell’ospedale

Sarà intitolato a Giacinto Facchetti il nuovo reparto di oculistica dell’ospedale di Treviglio. Lo ha deciso la direzione dell’azienda ospedaliera volendo rendere omaggio al grande campione trevigliese ex capitano dell’Inter e della nazionale, scomparso due settimane fa dopo una breve malattia. La cerimonia ufficiale della dedica sarà mercoledì 20 alle 14,30. Sono stati invitati la moglie e i figli dell’ex calciatore e presidente dell’Inter, persona esemplare per stile di vita, oltre alle autorità locali. Giacinto Facchetti si è sempre dimostrato sensibile alle vicende dell’ospedale di Treviglio e in alcuni casi è stato anche prestigioso testimonial. L’ultima apparizione in ordine cronologico risale ad esempio al settembre 2004, in occasione della giornata riservata alle cardiopatie, quando Giacinto Facchetti presenziò allo specifico convegno portando significativi esempi riguardanti la sua vita di atleta anche dopo il lungo e intenso periodo agonistico. Anche il Comune di Treviglio sta pensando a iniziative per ricordare Giacinto Facchetti. Il sindaco della città ha già annunciato l’intenzione di intitolare all’illustre concittadino un centro sportivo.A Boltiere, invece, la giunta comunale ha già deciso di intitolare lo stadio a Giacinto Facchetti e probabilmente seguiranno nei prossimi mesi iniziative analoghe in diversi paesi.Intanto anche il Consiglio comunale di Milano ha previsto il ricordo di Giacinto Facchetti a Palazzo Marino, in apertura di seduta del Consiglio. Con l’ex presidente dell’Inter viene ricordata anche la scrittrice Oriana Fallaci. Sia Facchetti che la Fallaci sono stati insigniti, in tempi diversi - il campione sportivo nel 1976, la scrittrice nel 2005 - della massima onorificenza cittadina, l’Ambrogino d’oro. Sarà il presidente dell’assemblea, Manfredi Palmeri, a tenere la commemorazione e nell’occasione verranno anche rilette le motivazioni dei riconoscimenti.(18/09/2006)

a.campoleoni

© riproduzione riservata