Truffatori in azione, come difendersi? I 10 raggiri più diffusi dentro e fuori dal web

Truffatori in azione, come difendersi?
I 10 raggiri più diffusi dentro e fuori dal web

In strada o su internet, dai tempi di Totò all’era dei social network, i truffatori sono sempre in agguato. Ma con un po’ di attenzione possiamo riconoscerli e tenerli alla larga, ecco quali sono le truffe più frequenti.

1 - Ti ricordi di me? Una delle truffe più diffuse, che a Bergamo ha colpito molti anziani negli ultimi anni, è quella del finto amico di famiglia o parente. Lo sconosciuto (o sconosciuta) avvicina la vittima per strada e riesce a conquistare la sua fiducia, magari facendo i nomi di figli e nipoti. A questo punto esistono due varianti del raggiro: nella prima il truffatore si fa accompagnare a casa, dove con una scusa qualsiasi chiederà di poter andare in bagno o di avere un bicchiere d’acqua, a quel punto ne approfitterà per rovistare nei cassetti in cerca di soldi o preziosi; nella seconda il malvivente consegna un oggetto (in genere di scarso valore) alla vittima, dicendo di aver preso accordi con un parente per la consegna, e chiede di anticipare il denaro.

2 - Mi hai rotto lo specchietto. Diffusissima la truffa dello specchietto. Mentre si è alla guida dell’auto si sente un rumore sulla carrozzeria: un automobilista si avvicina e, mostrando lo specchietto della sua auto rotto, chiede un risarcimento. In realtà lo specchietto era già rotto e il rumore sulla carrozzeria era un trucco per rendere più credibile la scena dell’urto. In molti ci sono cascati anche a Bergamo. Soluzione? Quando ci si trova in una situazione del genere bisogna prendere tempo, avvisando lo sconosciuto che si desidera fare la c onstatazione amichevole o avvertire le forze dell’ordine per chiarire l’accaduto: se è un malintenzionato troverà una scusa per allontanarsi.

La truffa dello specchietto è tra le più diffuse

La truffa dello specchietto è tra le più diffuse

3 - Una firma e via. Uno sconosciuto ci ferma per strada e chiede di poterci intervistare, rispondendo ad alcune domande sui propri gusti e abitudini. Alla fine chiede di firmare un modulo per testimoniare che l’intervista è avvenuta realmente, ma si tratta spesso di un contratto di vendita di servizi a pagamento.

4 - Finti carabinieri, tecnici del gas e bancari. Altra tecnica di raggiro molto diffusa è quella di spacciarsi per un carabinieri, vigili, poliziotti, oppure tecnici del gas o impiegati di banca. Con questo trucco i truffatori riescono a entrare in casa della vittima per svolgere vari tipi di «controlli»: per esempio, chiedono di controllare le banconote presenti in casa per verificare se sono autentiche; oppure di verificare la pensione, la bolletta del gas o della luce: tutte scuse per farsi consegnare soldi o, approfittando di una distrazione, per prenderli direttamente da cassetti e portafogli in casa.

C’è anche chi si spaccia per carabinere o poliziotto

C’è anche chi si spaccia per carabinere o poliziotto

5 - Nel parcheggio del market. Numerose le truffe anche nei parcheggi dei supermercati, soprattutto ai danni di donne che lasciano la borsa sul sedile dell’auto mentre caricano la spesa. Tra le varianti più diffuse, quella delle monetine per terra. Mentre la vittima carica la spesa in auto, uno sconosciuto le passa accanto e lascia cadere una manciata di monetine: in molti, istintivamente, si chinano per aiutarlo a raccogliere i soldi ed è proprio in quel momento che un complice apre la portiera e ruba la borsa dal sedile.

6 - C’è un’email per te (dalla banca). Un classico delle truffe su internet, per chi ha un conto on line, è la finta email della banca o delle Poste che chiede di «sbloccare» il proprio conto inserendo codici segreti di accesso. Le email contengono quasi sempre un link che porta a una pagina web del tutto simile a quella dell’istituto: lì viene chiesto di compilare un questionario o un modulo, inserendo i propri codici di accesso. Ovviamente è una trappola per carpire informazioni riservate ai correntisti. In questi casi conviene cestinare il messaggio e, per qualsiasi dubbio, telefonare alla propria banca per chiedere informazioni.

7 - Truffe sullo smartphone. Attenti a scaricare le applicazioni sul telefonino senza prestare attenzione alle condizioni e alla fonte. Queste app possono infatti contenere dei malware che accedono alle nostre informazioni personali o, peggio, che collegano a servizi a pagamento. Particolarmente a rischio il periodo natalizio, quando si moltiplicano le app che offrono sfondi o canzoni natalizie.

Attenti alle app sullo smartphone

Attenti alle app sullo smartphone

8 - Falsa beneficenza. Sul web non mancano persone senza scrupoli che, con la scusa della beneficenza, spillano soldi agli utenti. Soprattutto durante le festività natalizie, può capitare di ricevere email o di essere contattati sui social network da persone che chiedono di fare una donazione per un ente benefico. V erificate sempre la provenienza della richiesta, se l’ente benefico esiste e se in genere utilizza posta e social network per chiedere soldi.

9 - L’amico in aeroporto che chiede aiuto. È capitato a tantissimi di ricevere un’email o un messaggio su Facebook da un proprio amico, che scrive più o meno così: «Sono in viaggio in Africa, mi hanno rubato i soldi e sono bloccato in aeroporto. Puoi prestarmi dei soldi? Te li restituisco appena rientro». Segue codice iban per il versamento. Quasi sempre si tratta di qualcuno che è riuscito a entrare nel profilo Facebook o nell’account di posta del vostro amico e che sta cercando di spillarvi soldi a nome suo. Quando capita, meglio telefonare all’amico o a un suo familiare e chiedere se è stato davvero lui ha inviare la richiesta di aiuto.

Insidie anche dai social network

Insidie anche dai social network

10 - Pubblicità trappola. Ormai sono moltissimi gli utenti che utilizzano internet per fare shopping e anche per comprare i regali di Natale. Sulla rete si moltiplicano i link a siti che offrono prodotti a prezzi bassissimi, fuori mercato, talmente fuori che dopo il pagamento non vengono inviati: oppure falsi concorsi e tessere regalo che come unico obiettivo quello di scippare i dati personali delle vittime.


© RIPRODUZIONE RISERVATA