Martedì 31 Ottobre 2006

Turismo in ripresa: +6,4% rispetto al 2004

Il turismo bergamasco è in ripresa. Nel 2005 sono stati 1.500.000 i turisti che hanno soggiornato sul territorio orobico, il 6,3% in più rispetto al 2004. La cifra emerge dal Rapporto dell’Osservatorio turistico della Provincia di Bergamo, presentato nella Sala Consiliare di via Tasso dal professor Andrea Macchiavelli, docente dell’Università di Bergamo e consulente della Provincia. Il turismo orobico si caratterizza in prevalenza come alberghiero (con il 78% di presenze), con una permanenza medio bassa di poco più di due giorni di durata, che si concentra in città, e segnato da una consistenze presenza estera, le percentuali in questo senso si attestano al 30,8% di presenze e al 38,2% di arrivi. «Con il milione e mezzo di presenze nel 2005 – ha detto Macchiavelli – la provincia di Bergamo è quinta in Lombardia». Alla presentazione sono intervenuti il presidente della Provincia Valerio Bettoni, il vice Bonaventura Grumelli Pedrocca, gli assessori Tecla Rondi, Bruno Rizzi, Roberto Chiorazzi e il presidente di Bergamo Turismo, Felice Spampatti.CRESCITA RISPETTO AL 2005 Sul fronte delle presenze, il 2005 ha fatto registrare un incremento del 6,3%. Per quanto riguarda gli arrivi invece l’aumento è stato dell’11,7%. Siamo sopra la media lombarda e nazionale – ha spiegato Macchiavelli. In Lombardia infatti la crescita è ferma a zero, mentre a livello nazionale si attesta al 2,7%. Per il 2006 tutto ci fa pensare che lo cose vadano nella stessa direzione).PROVENIENZA TURISTI Gli italiani che arrivano a Bergamo provengono per la maggior parte dalla Lombardia per il 56%. Per quanto riguarda gli stranieri invece, delle 457.629 presenze nel 2005, il 14,4% è arrivato dal Regno Unito, stesso numero dalla Germania. Seguono Francia, Spagna e Norvegia. Sul fronte degli arrivi (236.025 nel 2005) il podio va alla Germania con una percentuale del 15%. Rispetto agli anni precedenti sono aumentati gli arrivi da paesi quali Norvegia, Spagna, Regno Unito, Olanda, Svezia e Polonia grazie soprattutto alla presenza di voli low cost legati allo scalo di Orio al Serio. STRUTTURE RICETTIVE Con l’aumento dei turisti cresce anche l’offerta sul fronte di alberghi e bed and breakfast. Nel 2006 sono stati attivati 6 nuovi alberghi e 7 sono prossimi all’apertura. Due soli sono stati chiusi. La novità assoluta arriva dal bed and breakfast per cui sono previste 14 nuove strutture. Rispetto al 2002 sono raddoppiati e si sono portati a quota 370. Il 73% dei turisti che alloggiano nei B&B sono stranieri. Un peso consistente sul piano della ricettività arriva dagli appartamenti censiti come vuoti (62.000 nel 2001) che offrono oltre 250.000 posti letto e presenti per lo più nelle Valli. (31/10/2006)

e.roncalli

© riproduzione riservata