Tutte le spese del Comune nel 2014 Conto da 166 milioni, 12,8 risparmiati

Tutte le spese del Comune nel 2014
Conto da 166 milioni, 12,8 risparmiati

Persino liti e patrocini legali in tempi di spending review e di cinghie tirate diventano un lusso per l’ente pubblico.

A Palazzo Frizzoni nel giro di un anno le spese per le querelle giudiziarie sono scese da 224 mila euro circa del 2013 a 185 mila e rotti dell’anno scorso. È uno dei tanti settori sottoposti a «dieta». In un anno, taglia di qua, lima di là, il Comune ha risparmiato circa 12,8 milioni. Si taglia, per esempio, su luce, benzina e anche sul vestiario di vigili e uscieri.

Le spese di rappresentanza sono ormai ridotte all’osso (4.915 euro) mentre per gli «incarichi professionali» nel 2014 si è sborsato «solo» 90 mila euro. È scesa anche la spesa per le indennità di sindaco, assessori e consiglieri comunali, passata da 673 mila euro circa a 599 mila e rotti. Anche se in questo caso il risparmio è, forse, più conseguenza della riduzione di assessori e consiglieri, scesi con il cambio di amministrazione (per effetto della legge Monti) rispettivamente da 10 a 8 e da 40 a 32.

Queste sono solo alcune delle migliaia di informazioni che si trovano in quel mare magnum di numeri e classifiche che è soldipubblici.gov.it, il sito del governo che ha messo sotto la lente le spese dei municipi e permette ai cittadini di verificare tutti i pagamenti delle amministrazioni pubbliche. Basta inserire il nome del Comune e si apre un mondo di cifre.

Nell’ultimo anno Palafrizzoni ha effettuato 166 milioni circa di pagamenti contro i 179 milioni e rotti del 2013, con una spesa pro capite per cittadino di 1.445 euro. A stilare la classifica la società «Thefool» di Milano che ha fatto un passo in più del governo e che con il sito soldipubblici.thefool.it, ha passato ai raggi x le spese degli ottomila Comuni italiani con classifiche generali e pro capite delle varie spese. Bergamo è fuori dalla «Top 30» delle città che spendono di più. Confermiamo la nostra buona fama di Comune virtuoso. Siamo in 42ª posizione nella classifica generale.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola domenica 1° febbraio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA