Un bacio rubato in ascensore costa la condanna a un portinaio

Un bacio rubato in ascensore
costa la condanna a un portinaio

Un bacio rubato in ascensore è costato caro a un portinaio di un condominio del centro, condannato a un anno e quattro mesi di reclusione (più 3 mila euro di risarcimento alla vittima) per violenza sessuale.

I fatti risalgono al mese di maggio del 2013. Secondo l’accusa una mattina il portinaio (all’epoca 44 anni) stava facendo le pulizie del palazzo, quando si è trovato solo in ascensore con una giovane inquilina, allora quindicenne, che usciva per andare a scuola. Le avrebbe detto: «Che bel profumo che hai». Poi, con un gesto repentino, l’avrebbe baciata sulla bocca, senza che lei avesse neppure il tempo di provare ad opporsi. Ne è scaturita una denuncia da parte della famiglia dell’adolescente.

Il portinaio si è sempre dichiarato innocente: a processo ha ammesso di aver fatto un complimento alla ragazza in ascensore, ma ha negato di averla baciata e anche di aver provato a farlo. Ha rimarcato di essere stato lui a premere il pulsante per far scendere l’ascensore: se avesse voluto davvero tentare un approccio con la ragazza avrebbe potuto cercare di bloccare la discesa. Ragionamenti che non sono stati sufficienti per evitargli la condanna.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 17 marzo 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA