Uniacque, dal 2 maggio al via i rimborsi Due procedure, ecco come fare

Uniacque, dal 2 maggio al via i rimborsi
Due procedure, ecco come fare

Dal 2 maggio scattano i rimborsi per Uniacque e saranno automaticamente inseriti in bolletta. Per quelli che riguardano gli anni dal 2003 al 2008 è invece necessario fare richiesta online. Ecco come fare.

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 14 nella parte in cui prevedono che la quota di tariffa riferita ai servizi di pubblica fognatura e di depurazione sono dovute dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi.

Pertanto, la tariffa di depurazione delle acque non è dovuta dagli utenti che sono allacciati a reti fognarie non collegate ad impianti di depurazione attivi.Di conseguenza le somme versate da tali utenti al proprio gestore saranno rimborsate da Uniacque spa.

Con la delibera n. 6 del 24 marzo 2015, approvate le Linee guida delle procedure per l’individuazione degli utenti aventi diritto al rimborso del canone di depurazione, in attuazione della sentenza n. 335/2008 e ha contestualmente preso atto degli elenchi contenenti i soggetti aventi diritto a tale rimborso.

Le quote da rimborsare sono state distinte in due periodi, il primo, che va dal 15 ottobre 2003 al 15 ottobre 2008, ricompreso nell’intervallo disciplinato espressamente nella citata sentenza della Corte Costituzionale e l’altro, relativo al periodo successivo che va dal 16 ottobre 2008 al 31 dicembre 2014, durante il quale il comportamento censurato è comunque proseguito:

- Primo periodo dal 15 ottobre 2003 al 15 ottobre 2008: il rimborso avviene a seguito di istanza che l’utente deve presentare entro il 31 luglio 2015.
Il rimborso, relativo a questo periodo, avrà luogo a partire dal 02 gennaio 2016, al termine del processo di verifica e validazione delle istanze presentate, conformemente a quanto previsto dalle linee guida emanate dall’UATO. Uniacque spa procederà dunque al rimborso degli importi dovuti, a scomputo nella prima fattura di consumo che verrà emessa, nei limiti di capienza della fattura medesima e pertanto fino a concorrenza dell’importo spettante sulle successive.
Inserendo il codice utente e codice servizio o ulm nell’apposita casella e premendo il tasto Controlla se hai diritto al rimborso sara’ possibile appurare se l’utente fa parte dell’elenco degli aventi diritto al rimborso.
La quota di rimborso è incrementata degli interessi di legge e ridotta degli oneri sostenuti per attività di progettazione e realizzazione degli impianti di depurazione, come deliberati dall’Uato di Bergamo.

- Secondo periodo dal 16 ottobre 2008 al 31 dicembre 2014: il rimborso avviene in modo automatico.
Uniacque, a partire dal 2 maggio, con la prima fatturazione utile provvederà al rimborso automatico della quota spettante, relativa al secondo periodo, incrementata degli interessi di legge, senza la necessità di presentare alcuna istanza di rimborso da parte degli utenti aventi diritto. Anche in questo caso Uniacque spa procederà al rimborso degli importi dovuti a scomputo nella prima fattura di consumo che verrà emessa, nei limiti di capienza della fattura medesima e pertanto fino a concorrenza dell’importo spettante sulle successive.

In caso gli importi fossero da contestare perchè non considerati corretti, ecco come fare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA