Verde troppo breve ai semafori
«Pedoni come Speedy Gonzales»

Per Federconsumatori «sull’asse di Viale Papa Giovanni, ma non solo, agli incroci i pedoni che volessero rispettare alla lettera le regole del Codice della Strada, dovrebbero essere più veloci di Speedy Gonzales famoso topo dei cartoni animati. E essere più reattivi di un centometrista.

Verde troppo breve ai semafori «Pedoni come Speedy Gonzales»

«E essere più reattivi di un centometrista. Per esempio evidenziamo che all’incrocio tra Viale Papa Giovanni XXIII con le Vie Paleocapa e Angelo Mai il tempo di “verde” riservato ai Pedoni è di 5 secondi. Mentre il traffico veicolare fruisce di tempi notevolmente maggiori. Medesimo problema lo si riscontra all’incrocio tra Via Bonomelli / piazzale Marconi / viale Papa Giovanni. Sempre 5 secondi di “verde” per i pedoni. Si tratta di due incroci particolarmente utilizzati, sia dai pedoni sia dagli automobilisti: siamo sulla direttrice che porta alla stazione ferroviaria, al tram delle Valli e alle autolinee e i passaggi zebrati sono lunghi oltre 20 metri».

«Analoga situazione all’incrocio tra Via Garibaldi e Sant’Alessandro. In questo caso il passaggio pedonale è di “appena” una decina di metri ma, comunque, 5 secondi sono sempre troppo pochi per attraversare».

Federconsumatori contesta questo modo di gestire la sicurezza stradale in Città. «Se è vero che il “giallo” darebbe la possibilità di raggiungere il lato opposto a quello di partenza, è altrettanto vero che ai semafori indicati manca un temporizzatore in grado di indicare il tempo residuo a disposizione. Il risultato è che molti pedoni si fidano ad attraversare col giallo, che credono “lungo”, e si trovano a passare col rosso, mentre molti automobilisti, che hanno il verde, si imbattono in pedoni ritardatari».

E sempre in tema di semafori, sul sito satirico Lercio.it (particolarmente dissacrante...) nei giorni scorsi è apparso un post (rilanciato poi sulla pagina Facebook) che ha ricevuto un notevole successo. Riguarda Napoli e non Bergamo, ma per chi vuole sorridere...

© RIPRODUZIONE RISERVATA