Bergamo, cresce l’uso delle due ruote Ogni giorno 16 mila spostamenti in bici

Bergamo, cresce l’uso delle due ruote
Ogni giorno 16 mila spostamenti in bici

La bicidetta piace sempre di più ai bergamaschi e non solo. Non solo come veicolo per le defatiganti gite domenicali dei migliaia di appassionati emuli di Gimondi, ma come mezzo per muoversi durante i giorni feriali.

La utilizzano - spiega il nostro mensile green «eco.bergamo» - per andare al lavoro o per i normali spostamenti della vita quotidiana. Secondo gli ultimi dati disponibili, che riguardano il 2014, nella città di Bergamo ogni giorno si verificano oltre 16 mila spostamenti in bici, che rappresentano oltre il 6% dei circa 250 mila movimenti effettuati con tutti i mezzi dei residenti di almeno 14 anni d’età. Nel 2002 gli spostamenti in bici erano circa 12 mila, quindi l’aumento e stato del 25%.

La crescita del traffico ciclistico è l’esito, da un lato, del ritrovato «smalto» di questa modalità di trasporto urbano, non più considerata povera od obsoleta e, dall’altro, degli importanti sforzi effettuati dall’amministrazione comunale per definire e mettere in sicurezza i principali itinerari cittadini, recentemente concretizzatisi nel BiciPlan.

Questo documento contiene, fra l’altro, dati relativi all’aumento dei flussi ciclistici su alcune parti della rete, che sembrano confermare la tendenza al forte incremento dell’uso della bicicletta come mezzo per spostarsi a scala urbana, cioè dai quartieri verso il centro di Bergamo Bassa e non più soltanto all’interno dei quartieri

Nell’utilizzo della bicicletta la città la fa da padrona, ma vi sono anche altri comuni che forniscono numeri significativi come Treviglio (2.880 spostamenti), Caravaggio e Romano di Lombardia, dove la bici gode di una forte tradizione e continua a presentare importanti vantaggi per la mobilità di livello urbano.

Per questo urge completare le piste ciclabili.

Per scoprire di più leggi eco.bergamo, il mensile green in edicola lunedì con L’Eco di Bergamo: eco.bergamo è offerto gratuitamente ai lettori de L’Eco

© RIPRODUZIONE RISERVATA