Giovedì 14 Aprile 2011

Nuovo premio al «Bufadelfia»:
formaggio spalmabile da Casirate

Nel 2009 il primo premio, quest'anno il secondo. Per la seconda edizione del concorso caseario «CacioBù» è arrivato un nuovo, prestigioso riconoscimento per il «Bufadelfia», formaggio di bufala dell'azienda agricola Casarotti di Casirate, dove vengono allevate una sessantina di bufale.

Organizzato dall'Onaf, l'Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi e dall'Anasb, l'Associazione Nazionale Allevatori specie Bufalina, il concorso «CacioBù», a cadenza biennale, è indetto all'interno della fiera Agrosud di Napoli e riservato a formaggi fatti al 100% con latte di bufala mediterranea italiana.

L'azienda di Casirate non è stata l'unica azienda bergamasca ad ottenere l'attestato di eccellenza: con il formaggio «Quadrello», è stata premiata anche la «Quattro Portoni» dei fratelli Gritti di Cologno al Serio.

«Bufadelfia» è un formaggio spalmabile, poco grasso, fatto senza caglio usando solo fermenti: Casarotti ne produce una decina di chili la settimana. L'azienda è a conduzione familiare: se ne occupano i fratelli Luigi, 52 anni, e Aldo, 44 (responsabile dei mercati). Gianmario, professore di lettere alle medie di Casirate, non fa mancare il suo aiuto quando serve, così come papà Giovanni, oggi ottantenne, e mamma Maria.

Dettagli e curiosità su L'Eco di Bergamo del 14 aprile

r.clemente

© riproduzione riservata