Venerdì 18 Maggio 2012

Condifesa Bergamo anticipa
la nuova campagna assicurativa

Guglielmo Maccali di Isso, da molti anni dirigente della Coldiretti bergamasca, è stato riconfermato presidente del Consorzio di Difesa delle produzioni agricole di Bergamo per il prossimo triennio e Gualtiero Baresi di Zanica  è stato invece nominato direttore.

Maccali è stato riconfermato nel corso dell'ultima assemblea in cui è stato eletto il nuovo consiglio che ora risulta composto da:  Arrigoni Gianbattista di Pagazzano, Belloli Paolo di Treviglio, Gibellini Francesca di Cologno al Serio, Locatelli Giuliano di Almenno San Bartolomeo, Maccali Guglielmo di Isso, Medolago Albani Emanuele di Bergamo, Nessi Gianluigi di Urgnano, Plebani Cristian di Trescore Balneario, Rota Giuseppe di Almenno San Bartolomeo, Singuaroli Giovanni di Treviglio, Zanotti Mauro di Bergamo.

Il consiglio nella sua prima seduta ha nominato Gualtiero Baresi direttore del Consorzio. Subentra a Giancarlo Scola che ha diretto l'ente negli ultimi 26 anni ed ora è stato nominato membro del Collegio Sindacale.

Durante i lavori dell'ultimo consiglio è stato deciso anche l'avvio anticipato della campagna 2012 per quanto riguarda le assicurazioni agevolate per il settore agricolo. “L'apertura della campagna assicurativa – spiega Guglielmo Maccali presidente del Condifesa di Bergamo - è un momento molto importane per gli imprenditori agricoli perché devono decidere come tutelare i prodotti aziendali da eventuali rischi dovuti alle calamità naturali. In questo momento di difficoltà economica il reddito aziendale deve essere salvaguardato con tutti gli strumenti disponibili. Noi abbiamo sempre fatto il possibile per  rispondere alle necessità degli agricoltori e di questo ringrazio Giancarlo Scola per il suo prezioso supporto; le sfide che con Gualtiero Baresi ci troveremo ad affrontare richiedono un grande sforzo e noi siamo pronti per essere come sempre al fianco delle aziende che si rivolgono al nostro Consorzio”.

Sono 966 le aziende che aderiscono all'ente bergamasco e nel 2011 il valore delle produzioni assicurate tramite il Condifesa Bergamo è stato di 70.239.000 euro. Nell'ultimo triennio (dal 2008 al 2011) c'è stato un incremento del 28,94%, dovuto soprattutto all'assicurazione del bestiame.

“I dati della nostra attività – prosegue Maccali - dimostrano che il numero degli agricoltori ed allevatori  che decidono di assicurarsi  è in continua crescita. Questo è dovuto anche al fatto che negli ultimi anni le condizioni climatiche sono radicalmente cambiate e le avversità sono sempre più frequenti. E' anche per questo che abbiamo deciso di anticipare di un mese l'apertura della campagna assicurativa”.

Lo scorso anno il Condifesa Bergamo ha gestito oltre 2.711 certificati relativi soprattutto ai settori dei seminativi, della viticoltura, dell'orticoltura e della zootecnia.

“L'agricoltura e le sue necessità stanno cambiando – sostiene il neodirettore Gualtiero Baresi -  per questo l'Asnacodi (Associazione Nazionale dei Consorzi di Difesa), anche in funzione della futura Pac, sta studiando nuovi strumenti e un percorso assicurativo volto a tutelare  nella sua globalità il reddito delle imprese che negli ultimi tempi è messo a dura prova dalla crisi. Ritengo sia fondamentale dialogare con il mondo agricolo nel suo complesso, in modo da conoscere concretamente quali sono le sue esigenze”.

r.clemente

© riproduzione riservata