Lunedì 13 Agosto 2012

Siccità in campagna, il Consorzio:
bisogna stabilire modalità certe

Occorre stabilire le condizioni alle quali si determini lo stato di crisi idrica e conseguentemente le modalità applicative per la deroga al deflusso minimo vitale. Risponde così il Consorzio di bonifica all'appello della Coldiretti per dare più acqua alle campagne, alle prese con la siccità.

Serve - secondo il Consorzio, che ha diffuso una nota firmata dal presidente Aldo Ghilardi - «definire a priori condizioni, tempi e modalità certe rimanendo in caso contrario la deroga al DMV contenuta nel P.T.U.A. un principio astratto e di impossibile attuazione».

Ecco il testo integrale della nota del Consorzio di Bonifica
Facendo seguito alla nota della Federazione Provinciale Coldiretti di Bergamo n° 5OLC del 6 agosto 2012, allegata alla presente nota, con la quale viene richiesta la deroga al DMV dei fiumi Brembo, Serio e Cherio ai sensi dell'art 35 delle Norme Tecniche di Attuazione del vigente P.T.U.A. della Regione Lombardia, richiamando inoltre la nota della Regione Lombardia — Ster di Bergamo a protocollo Consortile n° 7828 del 19107/2012, pure allegata alla presente nota, relativamente alla procedura per l'attivazione alla deroga del DMV, lo scrivente Consorzio evidenzia la necessità che venga definita una procedura che stabilisca preliminarmente le condizioni alle quali si determini lo stato di crisi idrica e conseguentemente le modalità applicative per la deroga al DMV con condizioni, tempi e modalità certe rimanendo in caso contrario la deroga al DMV contenuta nel P.T.U.A. un principio astratto e di impossibile attuazione.

Rimanendo a disposizione per fornire ulteriori dati o chiarimenti in merito, in attesa di riscontro, coglie l'occasione per porgere distinti saluti.

r.clemente

© riproduzione riservata