Giovedì 21 Febbraio 2013

Rivenditori di elettrodomestici:
negli ultimi quattro anni -18,9%

Il settore delle rivendite di elettrodomestici in Bergamasca risente della pesante crisi. Il numero dei rivenditori è calato nell'ultimo anno del 4,6% e negli ultimi quattro anni del 18,9% . Oggi in provincia si contano 353 negozi di elettrodomestici.

I dati sobo stati confermati da Ascom-Confcommercio. Il Gruppo rivenditori elettrodomestici e materiale elettrico intanto ha confermato alla presidenza Armando Zucchinali della Korel (Bergamo) e alla vicepresidenza Mario Campana della C&D Elettronica (Bergamo).

Il consiglio direttivo vede la conferma di Giancarlo Busi (Brembilla) e Paolo Imberti (San Pellegrino Terme); ne entra a far parte Antonio Campana (Bergamo).

Zucchinali, 65 anni, è da oltre 15 anni presidente del gruppo che riunisce i rivenditori di elettrodomestici bergamaschi ed è presidente di General Service, la piattaforma associata ad Expert.

«Il mercato degli elettrodomestici fa i conti con la crisi dei consumi che porta in una gara al ribasso a suon di volantini e offerte a margini sempre più ridotti – afferma il presidente Zucchinali -. Il mercato maggiormente in difficoltà è quello dei piccoli elettrodomestici, che si acquistano sempre più negli scaffali della grande distribuzione. Dopo il boom del digitale terrestre, soffre il comparto bruno (televisioni, video, fotocamere): i prezzi sono calati ma l'innovazione del prodotto ogni due mesi non dà la possibilità, in un mercato in contrazione, di fare magazzino. Mentre il comparto che dà maggiori soddisfazioni è il bianco (lavatrici, frigoriferi), che resta il nostro punto di forza per il servizio offerto, dal ritiro usato all'installazione e per il quale la scelta resta la qualità e non il prezzo».

r.clemente

© riproduzione riservata