Giovedì 13 Giugno 2013

Bresciani punta sull'intimo
E lancia anche le calze in jeans

Se ne sono viste di tutti i colori, decorate con i motivi più disparati. Ora alle calze il Calzificio Bresciani di Spirano affianca l'intimo per uomo e sceglie il palcoscenico di Pitti, in programma alla Fortezza da Basso di Firenze da martedì a venerdì, per il lancio della prima collezione.

A dire la verità una «collezione zero» è già stata presentata l'anno scorso: una sorta di test per verificare l'interesse dei clienti, che, come puntualizza Massimiliano Bresciani, consigliere delegato e responsabile commerciale dell'azienda, «hanno dimostrato di apprezzare i nuovi prodotti». Per il debutto il Calzificio Bresciani punta su dodici pezzi basici, che vanno dai boxer agli slip, fino alle magliette intime e alle T-shirt, tutti in quattro colori, bianco, nero, blu e grigio. Inizialmente tutti in cotone, ma l'obiettivo è di proporli poi anche in cotone-seta, lana-seta e seta al 100%.

Il perché il Calzificio Bresciani abbia deciso di puntare sull'intimo è presto spiegato: «Da alcuni anni stiamo cercando di valorizzare il nostro marchio e abbiamo scommesso sull'intimo perché è un prodotto "vicino" alle calze. In più, al di là di due società svizzere che operano a livello internazionale nell'intimo di alta qualità, il mercato è abbastanza "libero" e c'è spazio per affermarsi». Temporaneamente la produzione dei capi viene fatta in un laboratorio nelle vicinanze dell'azienda, perché lo stabilimento di Spirano, dove sono occupati 35 dipendenti, non dispone degli spazi necessari.

«Il Comune sta lavorando per creare una zona industriale che permetta, a noi come ad altri, di ampliare il sito - continua Bresciani - ma per il momento questa possibilità non c'è».

A Pitti Uomo il Calzificio Bresciani torna con una serie di calze ispirate al mondo dello sport e non solo. Giusto per fare un esempio, in occasione dei 140 anni dei jeans (data di nascita 1873), l'azienda festeggia con la calza a cinque tasche: un gambaletto che riproduce il più universale dei pantaloni in ogni minimo dettaglio, grazie ad un trompe l'oeil. Lungo l'elastico al polpaccio, corre la cintura con tanto di tasche, taschini, patta, passanti e rivetti, mentre l'orlo, con la doppia cucitura, abbraccia la caviglia.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata