Mercoledì 03 Giugno 2009

Dalla Regione più di 3 milioni
per l'agricoltura bergamasca

Cinquantadue milioni di euro: questa la somma che l'assessorato regionale all'Agricoltura ha deciso di destinare agli agricoltori lombardi per finanziare progetti di ammodernamento aziendale e di diversificazione delle attività che puntino sulle energie rinnovabili e l'agriturismo.

La cifra stanziata, su proposta dell'assessore all'Agricoltura Luca Daniel Ferrazzi, dalla Giunta regionale, che ha anche approvato il riparto delle risorse destinate alle Province, permette di erogare contributi per il sostegno di diverse misure del Programma di sviluppo rurale 2007-2013.

Sulla base delle domande ritenute finanziabili dalle graduatorie delle Province prendono quindi avvio il primo riparto della misura 311 B «Diversificazione verso attività non agricole-Energia» e il primo riparto della misura 311 C «Diversificazione verso attività non agricole-Altre attività di diversificazione», congiuntamente al secondo riparto della misura 121 «Ammodernamento delle aziende agricole» e della misura 311 A «Diversificazione verso attività non agricole-Agriturismo».

«Il programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 - commenta l'assessore Ferrazzi - rappresenta la colonna portante per il sostegno al comparto e assume un significato ancora più incisivo in questo momento particolare per l'economia. Un sostegno concreto, come dimostrano i 119 milioni di euro finora stanziati per finanziare interventi che puntino a migliorare la competitività, la diversificazione produttiva e l'ammodernamento e i 151 milioni di euro già erogati in totale dall'inizio dell'attuazione del Programma».

«Abbiamo deciso - aggiunge Ferrazzi - di anticipare l'utilizzo delle risorse finanziarie destinate alla misura 121 per gli anni 2009 e 2010 per sostenere le aziende agricole fortemente colpite dall'attuale recessione economica e promuovere la ripresa del comparto. Il provvedimento è già operativo e punta ancora una volta a favorire la modernizzazione delle aziende agricole lombarde e la diversificazione verso attività non tradizionalmente agricole che guardano all'azienda del futuro in senso multifunzionale: dall'agriturismo alla produzione di energia rinnovabile e al turismo rurale».

Ecco i numeri delle domande finanziate e l'entità del contributo per Provincia.
Misura 121: 539 domande, 46.096.257,72 euro. Bergamo: 39 domande, 3,12 milioni di euro; Brescia: 97 domande, 9,35 milioni di euro; Como: 7 domande, 483 mila euro; Cremona: 83 domande, 7,49 milioni di euro; Lecco: 9 domande, 450 mila euro; Lodi: 5 domande, 235 mila euro; Mantova: 119 domande, 10,1 milioni di euro; Milano: 12 domande, 1,32 milioni di euro; Pavia: 116 domande, 6,6 milioni di euro; Sondrio: 44 domande, 5,8 milioni di euro; Varese: 14 domande 972 mila euro.
Misura 311 A: 59 domande, 5.170.723,61 euro. Bergamo: 1 domanda, 147 mila euro; Brescia: 11 domande, 1,1 milioni di euro; Como: 4 domande, 124 mila euro; Cremona: 4 domande, 489 mila euro; Lecco: 1 domanda, 79 mila euro; Mantova: 15 domande, 1,16 milioni di euro; Pavia: 12 domande, 913 mila euro; Sondrio: 11 domande, 1,13 milioni di euro.
Misura 311 B: 8 domande, 747.797,74 euro. Brescia: 4 domande, 623 mila euro; Cremona: 2 domande, 34 mila euro; Mantova: 2 domande, 90 mila euro.
Misura 311 C: 1 domanda, 52.500 euro. Pavia: 1 domanda, 52 mila euro. 

m.sanfilippo

© riproduzione riservata