Giovedì 27 Agosto 2009

I bergamaschi sono preoccupati
dai furti d'auto: record di polizze

Bergamo, in Lombardia, è seconda in classifica dopo Milano per il numero di polizze furto-incendio sulle automobili: la terza provincia «più assicurata[ è quella di Varese. Lo dice un'indagine di Assicurazione.it, il sito che consente di comparare online i preventivi assicurativi di auto e moto: l’analisi è stata effettuata su un campione di circa 30.000 persone che da febbraio a luglio 2009 hanno fatto un preventivo sul sito.

Secondo i dati messi a disposizione dal Viminale a inizio mese, nel 2008 in Lombardia sono state rubate 27.452 automobili (circa 75 al giorno): un dato in leggero incremento rispetto all’anno precedente (27.272).

Ma nonostante il furto sia purtroppo frequente, solo il 48,8% dei lombardi ha sottoscritto la garanzia furto-incendio. Le province in cui è stato sottoscritto il più alto numero di polizze con le garanzie furto-incendio sono Milano (52,2%), Bergamo (50,6%) e Varese (47,6%).

Milano è la provincia lombarda dove è stato registrato il più alto numero di furti (18.907) e con la più alta incidenza di furti d’auto in rapporto agli abitanti, seguita da Brescia (2.763) e Bergamo (1.770). La province in cui il furto è meno temuto sono Sondrio (30,6% di sottoscrizioni della garanzia furto-incendio) e Mantova (28,1%).

Sondrio è comunque la provincia lombarda col più basso numero di furti d’auto (41, pari allo 0,1% dei furti della regione) e con la più bassa incidenza di furti d’auto in rapporto agli abitanti.

Per quanto riguarda Bergamo, dall'indagine emerge che la nostra provincia ha il record lombardo delle auto custodite in garage: in lombardia sono il 71%, a Bergamo l'82%. Seguono Lodi (78%) e a pari merito Mantova e Cremona (77%).

In tema di prevenzione, il 69% dei guidatori ha dotato il proprio mezzo con un sistema di antifurto: gli antifurti più scelti sono gli immobilizzatori senza allarme (25%), gli antifurti elettronici (17%) e gli immobilizzatori con allarme (13%).

“Molti automobilisti - dice Alberto Genovese di Assicurazione.it - scelgono di non includere la garanzia contro il furto e incendio perché pensano sia sufficiente custodire l’auto in garage o affidarsi a un buon antifurto. Ma bisogna ricordare che l'assicurazione tutela l’auto anche da tutti gli eventi legati al fuoco, inclusi fulmini, corto circuiti o surriscaldamento del motore. Copre anche i danni derivanti dal furto di singole parti dell'auto e dai tentativi di furto e scasso».

Qual è il profilo di chi sottoscrive la polizza furto-incendio? Maschio, circa 40 anni, impiegato (37,2%) e coniugato (51%). Per le categorie di professionisti: al secondo posto gli operai (18,1%) e al terzo i liberi professionisti (7,9%). I meno interessati a questa polizza assicurativa sono gli ecclesiastici (0,1%), seguiti dagli agenti di commercio (1,4%) e dagli studenti (1,1%).

r.clemente

© riproduzione riservata