Col Tfr crescerà lo stipendio. Ma... Scopri su L’Eco  quando conviene

Col Tfr crescerà lo stipendio. Ma...
Scopri su L’Eco quando conviene

Il Tfr in busta paga porterebbe un aumento mensile consistente nello stipendio. Ma chi paga? Il lavoratore. Per i dipendenti del settore privato che lo chiederanno, potrà essere questo l’effetto dell’operazione inserita nel disegno di Legge di stabilità.

Il Trattamento di fine rapporto (comunemente detta liquidazione) è stato introdotto in Italia dalla Carta del lavoro del 1927. Stabiliva il diritto del lavoratore a un’indennità proporzionata agli anni di servizio svolti. Naturalmente nel tempo ci sono state varie riforme. La legge n. 297 del 29 maggio 1982 ha sostituito l’indennità di anzianità corrisposta a fine rapporto con il Tfr istituendo un Fondo di garanzia nazionale al quale possono rivolgersi i lavoratori di imprese in stato di insolvenza o dichiarate fallite, e affidandone la gestione all’Inps.

Il governo propone di inserire in busta paga fino al 100% del Tfr maturato durante l’anno (ma non negli anni precedenti). La scelta - va sottolineato - è su base volontaria: chi vuole potrà continuare a farlo maturare fino alla pensione.

«Il Tfr è uno degli investimenti più sicuri che possa fare un lavoratore»

«Il Tfr è uno degli investimenti più sicuri che possa fare un lavoratore»

Per Beppe Scienza, ordinario all’Università di Torino e grande esperto di fondi pensione, «il Tfr è uno degli investimenti più sicuri che possa fare un lavoratore». È infatti una forma di investimento senza intermediari, è una forma previdenziale a costi di gestione zero, è un accantonamento che garantisce il potere d’acquisto.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 16 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA