«Fa’ la cosa giusta!» Tanti bergamaschi in fiera

«Fa’ la cosa giusta!»
Tanti bergamaschi in fiera

Dal 13 al 15 marzo Milano ospiterà «Fa’ la cosa giusta!», la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che giunge alla sua dodicesima edizione e si terrà, come di consueto, negli storici padiglioni di Fieramilanocity.

La scorsa edizione si è chiusa con 70 mila visitatori, oltre 700 espositori, 3300 studenti, 600 giornalisti, 29 mila metri quadrati di padiglioni espositivi, confermandosi uno dei principali punti di riferimento per il settore dell’economia solidale e sostenibile.

La provincia di Bergamo sarà presente in fiera proponendo assaggi e degustazioni di prodotti biologici, sostenibili e a filiera corta. I visitatori potranno gustare dell’ottimo vino prodotto dall’azienda agricola e vitivinicola Faletti Cavalli di Villa di Serio, mentre la cooperativa e società agricola La Pèta di Costa Serina offrirà formaggi e yogurt prodotti con latte di capra camosciata delle Alpi. Questa cooperativa è anche una fattoria didattica che introduce a grandi e piccoli i segreti della lavorazione dei latticini. Inoltre, da Capriate San Gervasio I fil food sviluppa una nuova concezione di benessere per ottenere un rapporto gioioso e appagante col cibo. Infine, ci sarà spazio anche per Cibolab, un’azienda con sede a Scanzorosciate che commercia frutta e verdura biologiche e provenienti da coltivazioni e piantagioni amiche dell’ambiente e della sostenibilità.

Anche in questa edizione sarà presente la storica vetrina della moda etica e sostenibile. Da Villa d’Almè il marchio Limes presenterà i suoi capi d’abbigliamento per uomo e donna realizzati con filati di lino e canapa attraverso una produzione geotessile, cioè con la particolare caratteristica di escludere i leganti chimici e, di conseguenza, ottenere un prodotto finito atossico e non inquinante.

In fiera anche Par.co Denim, progetto nato dalla consapevolezza che la natura e l’ambiente devono essere protetti​: da qui una collezione di jeans uomo e donna usando tessuto denim di cotone biologico​. ​Questo in collaborazione con una piccola confezione di artigiani italiani con 50 anni di esperienza della provincia​ e con lavanderie inno​vativ​e​ ​​italiane che utilizzano lavaggi eco-friendly con ghiaccio​ e laser e ​con ​trattamenti con il metodo Eco-Aging​. Si tratta di una tecnica ​che sostituisce le sabbiature silicee con scarti vegetali riducendo il consumo di acqua durante il lavaggio e le sostanze chimiche pericolose per l’ambiente e per la salute di chi lavora e di chi li indossa.

In fiera ci sarà spazio anche per l’esposizione di mobili, oggetti di design e complementi d’arredo, ma anche prodotti per la casa e per l’igiene animale, lavorati e realizzati con materiali ecosostenibili e a basso impatto ambientale. La provincia di Bergamo sarà rappresentata dalla start-up Groen Akkedis con sede a Dalmine, che progetta, produce e distribuisce sul mercato apparecchiature elettroniche atte a migliorare l’efficienza energetica, e lavora con l’obiettivo di diffondere una nuova filosofia di sfruttamento dell’energia prodotta da fonti rinnovabili.

Nell’area dedicata ai servizi per la sostenibilità, la cooperativa sociale Il Susino di Caravaggio farà conoscere ai visitatori i propri scopi sociali, perseguiti attraverso lo svolgimento di diverse attività finalizzate all’inserimento di persone svantaggiate.

Sempre dalla città celebre per il suo santuario, la Scuola di formazione e Consulenza alla Relazione con gli Animali (C.Re.A.) dimostrerà che la relazione tra uomo e animale, attraverso una serie di pratiche zooantropologiche, che forniscono benessere grazie a questa sinergia, non può che fornire benessere e rafforzamento delle proprie potenzialità.

Fa’ la cosa giusta! 2015 sarà luogo di incontro, scambio e condivisione, una piccola città nella città, con i«quartieri», le «vie» e le «piazze», che ospiteranno stand, botteghe artigiane, laboratori, spazi verdi, ristoranti, spettacoli e incontri; una planimetria espositiva che disegnerà una vera «città smart delle alternative possibili».

Il pubblico di Fa’ la cosa giusta! ritroverà prodotti ed iniziative legati ai temi che da sempre caratterizzano la fiera: alimentazione biologica, a km zero o cruelty free, moda etica, mobilità a basso impatto, abitare green, giochi e proposte sostenibili per l’infanzia, prodotti del commercio equo e i progetti delle associazioni e cooperative non profit. A questi saranno affiancati nuovi approfondimenti trasversali, dedicati, ad esempio, alla sharing economy, all’autoproduzione, al welfare comunitario e alla pace.


© RIPRODUZIONE RISERVATA