Gewiss, l’annuncio del Cavalier Bosatelli «Lascio il timone a mio figlio Fabio»
Il Cavalier Bosatelli con il figlio Fabio

Gewiss, l’annuncio del Cavalier Bosatelli
«Lascio il timone a mio figlio Fabio»

L’annuncio in occasione del 50esimo anniversario del Gruppo con un messaggio inviato a tutti i dipendenti.

Il Cavaliere del lavoro Domenico Bosatelli ha annunciato il passaggio di testimone alla guida della Gewiss in occasione del 50esimo anniversario del Gruppo con un messaggio inviato a tutti i dipendenti nella giornata di venerdì 27 novembre. «Quando ho iniziato la mia carriera industriale con Gewiss non avrei mai immaginato di arrivare alla soglia dei miei 90 anni essendone ancora al timone – scrive il Cavalier Bosatelli –. Ora però è giunto il tempo di cedere il comando nominando Presidente mio figlio Fabio che mi ha affiancato per oltre trent’anni condividendo principi, valori, obiettivi e metodologia di lavoro e che, grazie ai suoi meriti e agli ottimi rapporti con Management e Collaboratori, saprà assicurare un futuro di sviluppo e successi alla nostra Azienda».

A raccogliere il testimone, dando continuità ai valori e allo spirito imprenditoriale dell’azienda, sarà Fabio Bosatelli che potrà contare su Paolo Cervini, Amministratore delegato e Ceo di Gewiss, e sul team di manager che compongono la leadership dell’azienda, supportati dagli oltre 1.500 dipendenti del Gruppo, in sei paesi del mondo.

Guarda il servizio di Bergamo Tv

«Sono cresciuto con Gewiss – commenta Fabio Bosatelli – ci lavoro da più di 30 anni e ne condivido a pieno i principi imprenditoriali, l’etica, i valori e il metodo di lavoro votato all’innovazione e all’eccellenza. Accolgo questo importante incarico con orgoglio, senso responsabilità e con la ferma volontà di dare continuità alla nostra azienda. Sono contento di poter affrontare questo impegnativo percorso potendo contare su un gruppo unito di collaboratori che apprezzo molto per la determinazione dimostrata anche in questi difficili mesi, lavorando con tenacia e professionalità».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de L’Eco di Bergamo in edicola sabato 28 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA