Il re dei formaggi è made in Usa La vittoria con qualche polemica
Il formaggio campione del mondo con la giurata che lo ha sponsorizzato nella finale a 16 della 32esima edizione del World Cheese Awards

Il re dei formaggi è made in Usa
La vittoria con qualche polemica

Il blue cheese americano di Rogue Creamery, azienda dell’Oregon, è il re dei formaggi a Forme 2019.

Il blue cheese americano di Rogue Creamery, azienda dell’Oregon, è il re dei formaggi. Il prodotto made in Usa si è aggiudicato il prestigioso podio del World Cheese Awards superando una selezione di 3.800 formaggi e il giudizio di 260 esperti oltre ai 16 giudici finali.

Il concorso internazionale dedicato ai prodotti caseari si è tenuto per la prima volta in Italia, a Bergamo, alla manifestazione Forme e si è chiuso oggi, venerdì 18 ottobre. Il blue cheese ha ottenuto un ex aequo con il Parmigiano Reggiano, casello di Santo Stefano: entrambi hanno ottenuto un punteggio di 100 su 112 dai giudici. Il regolamento degli Awards prevede però che di vincitore ce ne sia uno: è toccato al presentatore, l’inglese Nigel Barden, giornalista della Bbc, valutare i due contendenti e scegliere il re dei formaggi.

La vittoria americana ha creato inevitabilmente qualche brusio in sala perchè arriva proprio mentre si discute dei dazi contro il «Made in Europe» (e di conseguenza i prodotti alimentari italiani) voluti dall’amministrazione Trump.

I formaggi in gara, ora, sono esposti alla Fiera di Bergamo anche nelle giornate di sabato 19 e domenica 20 ottobre, nel padiglione dedicato ai World Cheese Awards.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 19 ottobre 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA