Multe, ricevute e scontrini Sai per quanto tempo conservarli?

Multe, ricevute e scontrini
Sai per quanto tempo conservarli?

Stremati dai documenti, scontrini e ricevute per preparare il 730 e certificati affini? La domanda poi sorge spontanea? Per quanto conservare i documenti? E le multe? Così come le ricevute e gli scontrini? Un vademecum fa al caso vostro.

Sei un accumulatore seriale di documenti o butti via ricevute, multe, scontrini, fatture subito dopo aver pagato? In alcuni casi conservare è utile per evitare di pagare due volte o per scongiurare sanzioni, in altre invece è solo uno spreco di tempo e spazio. Ecco, allora, una guida stila dall’Unione Nazionale dei Consumatori sui documenti e le scadenze, attuale più che mai considerando che molto di noi stanno chiudendo l’annoso capitolo del 730.

PER 6 MESI
ricevute di strutture turistiche: entro 6 mesi possono richiederci il pagamento di servizi che risultano non pagati.

DA 12 A 18 MESI
ricevute di spedizioni.

DA 1 A 5 ANNI
ricevute di rette e mense scolastiche, iscrizioni a corsi, palestre, assicurazioni (5 anni se sono state detratte dalla dichiarazione dei redditi).

DA 2 A 5 ANNI
scontrini: 2 anni per far valere la garanzia; 5 anni per farmaci detratti dalla dichiarazione dei redditi.

DA 3 A 5 ANNI
bollo auto: entro 3 anni la Regione può contestare la mancata effettuazione del pagamento; fatture, notule, parcelle di avvocati, commercialisti o altri professionisti (in entrambi i casi, 5 anni se sono state detratte dalla dichiarazione dei redditi)

PER 5 ANNI
spese condominiali; canoni di locazione; bollette; ricevute mutui; CUD e CU; multe; tasse sui rifiuti; ricevute di Imu, Tasi (i tempi si allungano se si è usufruito di detrazione fiscale per interventi di efficientamento energetico, ristrutturazioni edilizie o acquisti di grandi elettrodomestici).

PER 6 ANNI
modello UNICO e 730.

PER 10 ANNI
estratti conto.

PER SEMPRE
atti notarili; rogiti; atti di matrimonio/separazione/divorzio; attestati/diplomi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA