Orobici raddoppia a Milano con Tnt I corrieri in bici più veloci dei furgoni

Orobici raddoppia a Milano con Tnt
I corrieri in bici più veloci dei furgoni

Raddoppia la presenza della Orobici a Milano. E questa volta l’azienda bergamasca, che si occupa di consegne urbane con la sua flotta di corrieri a impatto zero, sfreccerà per il centro della metropoli lombarda per conto di Tnt, una delle più grandi società di trasporto espresso al mondo.

Il servizio è attivo da lunedì 20 aprile, dove ha preso ufficialmente il via da piazza Duomo, alla presenza di Giorgio Abrami, responsabile Tnt per il Nord Italia, Pierfrancesco Maran, assessore alla Mobilità e Ambiente del comune di Milano, oltre ovviamente ai due fondatori di Orobici, Toni Filisetti e Paolo Civera.

Saranno 5 (più una riserva) le bici che effettueranno prese e consegne di plichi e piccoli pacchi all’interno della Cerchia dei Bastioni (l’area C di Milano). I bikers si muoveranno a bordo di mezzi del peso di 12 chili ciascuno e non assistiti elettricamente: l’unica forza in strada è quella dei muscoli. In questo caso il lavoro richiede una perfetta efficienza fisica e la squadra è quasi esclusivamente formata da ragazzi tra i 22 e i 28 anni. «Ogni biker percorrerà in media 20 chilometri ogni mattina, circa 5 mila all’anno - spiega Paolo Civera -. Nei test il biker più in forma, con lo zaino contenente buste in spalla, è riuscito ad effettuare quasi 80 “stop” in un giorno. Abbiamo una media di consegna di 13/14 buste all’ora».

«È una produttività molto simile a quella standard dei furgoni - rileva Giorgio Abrami - operare con 5 ciclisti al posto di 4 furgoni consente una diminuzione giornaliera di emissioni di Co2, tra i 50 e gli 80 chili». E la scelta di Orobici (che per le due ruote si affida ad un’altra società bergamasca, la Huno) non è casuale: «Ha già una precisa esperienza in ambito di consegne urbane a impatto zero. Per noi si tratta di un’ulteriore evoluzione professionale in ambito green» conclude il manager di Tnt.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 21 aprile 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA